antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
La violenza che ci sommerge: Noi sappiamo
- Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Apre nuovo spazio di Casapound, corteo di Firenze Antifascista
- La Sapienza, dopo le cariche occupata la facoltà di Scienze politiche
- Tensioni alla Sapienza per il convegno con FdI e Capezzone: scontri tra polizia e studenti
- Il nuovo movimento degli ex di Forza Nuova a un anno dall’assalto alla Cgil
- Bologna, femministe contro patrioti alla manifestazione "a difesa delle donne": insulti e tensioni
- Bologna Non Una Di Meno torna in piazza e dilaga: “Risale la marea!”
- Elezioni, contestatori al comizio di Giorgia Meloni a Trento: cantano “Bella ciao” e urlano “siamo tutti antifascisti”
- L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra
- Bari Processo CasaPound, in sette chiedono "messa alla prova". Fuori il presidio antifascista
- Renoize 21 Focene per Renato 27/08 e 3-4-5/09

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.11.22 Quel filo che dall’Ordine di Hagal arriva a CasaPound
19.10.22 Giorgia Meloni firma la Carta di Madrid di Vox
7.10.22 GRUPPI NEONAZISTI USA
16.09.22 L’Europa nuovamente alle prese con l’avanzata dell’estrema destra
15.09.22 Ultradestra, la galassia nera torinese messa in crisi dall’ascesa di Meloni
10.09.22 Sette decenni di collaborazione nazista: Il piccolo sporco segreto dell'America in Ucraina
28.08.22 Inchiesta su M. 2/3
27.08.22 Antifa - Stati Uniti d'America
17.08.22 Inchiesta su M.
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence
11.03.22 I ‘foreign fighters’ neofascisti che combattono in Ucraina
7.03.22 L’assedio di Mariupol e il battaglione Azov
27.01.22 Riflusso neonazista. La deriva dell'Est Europa: negare gli orrori del passato

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superati i due milioni di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | estrema destra USA | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 6.05.22
Bologna Intimidazioni dei nazifascisti contro chi si oppone alla guerra.
·
Il Primo Maggio dei lavoratori e delle lavoratrici non si tocca: denunciamo le minacce e le intimidazioni dei nazifascisti contro chi si oppone alla guerra. Conferenza stampa.

Ieri l’Unione Sindacale di Base ha dato vita a una piazza per la giornata dei lavoratori e delle lavoratrici, un Primo Maggio che quest’anno non poteva non tenere conto della guerra in Ucraina e del rischio di una escalation che porta alla terza guerra mondiale, con l’aumento delle spese militari e con una economia di guerra che va a peggiorare il carovita, colpendo soprattutto le fasce popolari.
Per questo abbiamo chiamato la nostra piazza “Abbassare le armi, alzare i salari”, parole semplici che stiamo portando in giro in tutta Italia, per la pace e per i diritti di tutti.
Sappiamo che la posizione contro la guerra dà fastidio a chi invece dalla guerra ci guadagna qualcosa, economicamente e politicamente.
Dentro la piazza, la giornata è stata ricca di attività, nei tre momenti di discussione, contro la guerra, contro il lavoro povero, e nel ricordo del compagno Valerio Evangelisti, e con momenti di socialità, culturali e artistici.
Fuori dalla piazza, si sono aggirate tutto il giorno persone evidentemente poco contente delle nostre posizioni pacifiste, alcuni dei quali già visti in azioni di provocazione in occasione della festa di strada “Oltre il Ponte” organizzata dal circolo Granma, che anche ieri ci ha aiutato nell’organizzazione, il 23 aprile a pochi passi in via Ferrarese.
In quell’occasione, un nutrito gruppo di persone ucraine avevano provocato minacciando il banchetto del Comitato Ucraina Antifascista. Nell’occasione erano venute fuori le posizioni esplicitamente naziste di una parte consistente del gruppo: dal rivendicarsi la figura di Stepan Bandera, all’ostentazione di simboli e cori nazionalisti ucraini, arrivando addirittura a presentare la strage di ebrei ucraini come fatto giusto e rivendicandola come atto necessario alla costituzione della patria. Durante quell’occasione i compagni che hanno contenuto con ferma determinazione la provocazione erano stati minacciati esplicitamente, e nei giorni successivi minacce altrettanto pesanti erano state lanciate sui canali social.
A fine serata abbiamo trovato due “regali” sgraditi. Un tentativo di rompere una porta del Barnaut, anche questo attivo insieme a noi nella giornata di ieri, e una macchina di compagni con due ruote squarciate evidentemente con un coltello.

La guerra in Ucraina sta avendo degli effetti diretti anche in Italia e a Bologna, con un clima sempre più guerrafondaio in cui il sindaco si dichiara a favore dell’invio di armi, e in cui inoltre al 1° Maggio concede una piazza ai neofascisti che si proclamano “Patrioti”. È evidente che queste condizioni legittimano le posizioni violente dell’estrema destra.
Non possiamo inoltre dimenticare che oggi, 2 maggio, è l’ottavo anniversario della strage della Casa dei sindacati di Odessa, in cui 42 sindacalisti e militanti vennero bruciati vivi o linciati dalle milizie naziste che sostenevano il golpe di Euromaidan. Una delle più pesanti stragi di matrice nazi-fascista dalla Seconda guerra mondiale, ci ricorda oggi più che mai le tragiche conseguenze della legittimazione e della concessione di agibilità delle forze neo-naziste.
Dopo le provocazioni del 23 aprile, questi segnali sono preoccupanti. Per questo invitiamo tutte le realtà antifasciste e contro la guerra a restare vigili contro questo clima di tensione.
Su questo tema convochiamo una conferenza stampa per domani martedì 3 maggio presso la sede dell’USB in via Saffi 69 alle ore 11.00.

https://www.facebook.com/bolognausb/posts/1908686996185605



Provocazioni naziste a Bologna: il sindaco dov'è?

Oggi con Marta Collot abbiamo partecipato alla conferenza stampa che si è tenuta nella sede di USB Bologna dopo le provocazioni da parte di ambienti filo nazisti ucraini alla festa Oltre Il Ponte del Circolo Granma e all'iniziativa del Primo Maggio di USB, entrambe occasioni in cui siamo intervenuti come Potere al Popolo.
Oltre alla cronaca dei fatti (le provocazioni il 23 Aprile, la porta del Barnaut sfondata e le gomme di una macchina tagliate con una lama nella notte tra l'1 e il 2 Maggio) dalla conferenza stampa emerge il collegamento tra il clima politico generale e i fatti locali. La propaganda martellante a favore dell'escalation esalta chi nel nostro paese pensa di poter agire contro gli antifascisti, pensa di poter riabilitare il collaborazionismo coi nazisti, come ci è stato detto apertamente il 23 Aprile che considerano Stepan Bandera un eroe, infangato dai sovietici che avrebbero ucciso gli ebrei per far ricadere la colpa sui nazionalisti ucraini (!), mentre qualche voce ancora più terrificante ha semplicemente detto che lo sterminio ebraico andava bene.
Rivalutare Stepan Bandera è come rivalutare Renato Tartarotti, è come rivalutare "il camerata Kesserling" che viene rievocato ogni 25 Aprile. Eppure pare che sia possibile farlo a Bologna senza che dall'amministrazione di questa città emerga qualunque segno di preoccupazione. D'altronde, per il secondo anno di fila si è svolta il primo maggio anche la manifestazione delle "rete dei patrioti", gruppuscolo neofascista fuoriuscito da Forza Nuova, con regolare permesso dell'amministrazione.
Ci chiediamo dove sia il sindaco e la sua giunta. Ci chiediamo cosa si aspetti a fare una discussione pubblica, con un consiglio comunale in cui possano intervenire gli antifascisti e le antifasciste, in particolare i soggetti che sono stati oggetti delle provocazioni di questi giorni.
Siamo a fianco dell'USB, del Circolo Granma, del Barnaut . Siamo a fianco di chi non cala l'elmetto.

https://www.facebook.com/Bolognapoterealpopolo

vandalismi_minacce
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo