antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bari Processo CasaPound, in sette chiedono "messa alla prova". Fuori il presidio antifascista
- Renoize 21 Focene per Renato 27/08 e 3-4-5/09
- Desenzano, il no dello scrittore Francesco Permunian: "Non presento il mio libro dove manifesta Forza Nuova"
- "Milano è antifascista": il Comune estende l'obbligo di rispetto della Costituzione per chi prende in affitto gli spazi pubblici
- Genova, i pompieri si rifiutano di togliere uno striscione antifascista. Usb: “Non creava nessun pericolo, non è nostro compito”
- Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli
- Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
16.01.22 Le donne in nero: Evita sì, Giorgia no
15.12.21 Forza Nuova e No Vax, accuse di terrorismo a Fiore e Castellino
13.12.21 Neofascismi: l'Opa di CasaPound su Forza Nuova in agonia. La battaglia per l'egemonia nel mondo dell'ultradestra
21.11.21 Eminenze nere La santa alleanza tra clero, ultradestra cattolica e negazionisti del Covid
16.11.21 Forza Nuova, gli affari tra Fiore e il capo dell’organizzazione Pro-Vita
16.11.21 Come i neofascisti hanno infiltrato i no green pass
6.11.21 La rete dei nazisti italiani pronti a combattere
5.11.21 Ruotolo: "Desegretare subito il fascicolo del leader di Forza Nuova" Interrogazione del senatore ai ministri Lamorgese e Di Maio
1.11.21 Voghera, non solo il caso Adriatici: sui social l’assessore di Fratelli d’Italia inneggia alla Decima mas e fa gli auguri ai “camerati”
27.10.21 Forza Nuova, il Parlamento rinuncia allo scioglimento per tutelare il governo
21.10.21 L’impero offshore del neofascista Delfo Zorzi gestito dall’avvocato svizzero di Licio Gelli
20.10.21 Forza Nuova, i milioni dei neofascisti all’estero tra società del giro di Fiore e di un ex Nar
12.10.21 Da dove arriva Forza Nuova
11.10.21 Fiore e Castellino, la folle escalation: «Dietro la lotta interna con Casapound»
1.10.21 Inchiesta Fanpage, Fidanza autosospeso da capodelegazione FdI a Parlamento Ue: “Attacchi strumentali”
1.10.21 Fanpage, Lobby Nera: inchiesta sulla destra neofascista
5.09.21 Ungheria Ultime notizie sul paese - Rapporto Amnesty International
26.06.21 La lunga ombra nera. Una mappa delle aggressioni fasciste
20.06.21 “Fascisti”, l’eterna scorciatoia di usare il termine sbagliato: da Trump a Salvini. “Veri rischi? Leader democratici senza ideali”
1.05.21 Fascisti su Marche: così la Regione diventa laboratorio della nuova destra
7.04.21 Per i Servizi tedeschi l'Afd è un partito di "estrema destra" da sorvegliare
31.03.21 L'eroe Mussolini e gli immigrati assassini: i fascio-fumetti invadono le scuole
1.03.21 Argentina Voli della morte
12.02.21 Bugie contro Falcone sul delitto Mattarella: il neofascista Fioravanti torna sotto accusa
7.02.21 Dalla difesa della razza all’apologia del fascismo le Marche laboratorio della destra più nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 16.10.06
Udine: scritte e svastiche contro i gay
·

14 Ottobre 2006

Fonte Il Messaggero da gaynews

SCRITTE CONTRO I GAY E SVASTICHE SUL MARCIAPIEDE DI UN LOCALE

I titolari presenteranno un esposto in Procura. La denuncia delle
associazioni degli omosessuali. I Proprietari: “Abbiamo paura e da stanotte usciremo dal bar con apprensione”
domenica 15 ottobre 2006, di il Messaggero

“Abbiamo paura e da stanotte usciremo dal bar con apprensione. Siamo preoccupati, per noi ma anche per i nostri clienti. L’augurio è che si tratti di una bravata, ma certo non fa piacere trovare quelle scritte. Il messaggio è molto brutto”. Questo il commento di uno dei due soci del locale, ritrovo abituale di gay e lesbiche, che nella notte tra venerdì e sabato è stato preso di mira da ignoti i quali, armati di bomboletta, hanno imbrattato il marciapiede, le vetrine e le insegne dell’ambiente con scritte omofobe. I primi a notarle, ieri mattina presto, sono stati i vicini che subito hanno provveduto a chiamare i titolari del bar. “Appena mi hanno avvisato sono corso al locale – dice ancora il gestore – e mi sono trovato di fronte a uno spettacolo poco edificante: la scritta più grande sul marciapiede diceva “Gay al rogo”, poi c’erano svastiche e altre scritte offensive. E’ la prima volta che ci capita di ricevere minacce di questo tipo. Proprio alcuni giorni fa abbiamo festeggiato il primo anno di apertura del locale che tra l’altro non è Frequentato solamente da gay e lesbiche, ma anche da eterosessuali”. Dopo aver controllato di non aver subito altri danni, i titolari hanno provveduto a cancellare le scritte (anche perché alcuni passanti si erano lamentati), ma solamente dopo averle fotografate.
L’intenzione è infatti quella di sporgere denuncia contro ignoti in Procura. L’appello rivolto alle forze dell’ordine è invece quello di aumentare i controlli. Interessato dell’accaduto, il consigliere comunale e membro dell’Arcigay, Enrico Pizza, ha inoltre chiesto al pronto intervento della polizia municipale di conservare le cassette delle videocamere della zona che potrebbero aver registrato i fatti, avvenuti dopo la chiusura del locale sabato mattina intorno alle 3. “Proprio sabato – ricorda Pizza – abbiamo fatto una manifestazione di solidarietà con gli immigrati regolari che vivono a Udine. Lunedì sera in consiglio abbiamo visto dei militanti di destra tra il pubblico, con ben ostentati i loro simboli sulle giacche. Non è che l’episodio di stanotte – si domanda Pizza – si inserisce in un innalzarsi dell’intolleranza in città, magari tra le frange estreme e i balordi che le circondano?”. I presidenti delle associazioni Arcigay-Arcilesbica di Udine, rispettivamente Daniele Brosolo ed Eva Dose hanno voluto esprimere preoccupazione per questi episodi che – spiegano – “richiamano alla memoria il precedente del banchetto dell’associazione devastato – unico tra i tanti – a Friulidoc nel 2005”. Secondo Brosolo e Dose “non si tratta di un semplice atto vandalico perché l’episodio si inserisce in una scia di odio crescente verso i gay”. Particolarmente grave, a parere di Arcigay e Arcilesbica, il richiamo al nazismo tramite le svastiche. Nemmeno due anni fa l’Arcigay aveva infatti organizzato una mostra in Sala Ajace per ricordare lo sterminio nazifascista delle persone omosessuali. L’auspicio dei titolari però, è che si sia trattato di una bravata frutto soprattutto dell’ignoranza al punto che stasera nel locale è prevista una festa di solidarietà alla quale – assicurano – “oltre ai nostri clienti abituali sono invitati anche gli autori del gesto che, anziché operare di notte e di nascosto, potrebbero venire a conoscere direttamente le persone che offendono”.

Cristian Rigo.


Da ArciLesbica Udine

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO
Eva Dose – ArciLesbica Udine
Daniele Brosolo – ArciGay Udine
Enrico Pizza – Consigliere Comunale a Udine (per i DS)

Il risveglio è stato amaro per i gestori di un locale di Udine, punto di ritrovo per gay e lesbiche in Friuli: la vetrina, i muri, i marciapiedi dinanzi alla loro attività sono stati imbrattati nel cuore della notte da ignoti che hanno scritto “gay al rogo” e disegnato svastiche naziste.

La denuncia è stata raccolta da Enrico Pizza, consigliere comunale udinese – allertato stamane dai gestori che, per proteggere la loro attività e se stessi, si vedono costretti all’anonimato.

Le scritte sono state cancellate quasi subito, perché i gestori hanno ricevuto delle lamentele dai passanti, ma le prove fotografiche ci sono e verranno portate insieme a una denuncia contro ignoti in Procura.

Il consigliere Pizza ha chiesto al Pronto intervento della Polizia municipale di conservare le cassette delle videocamere della zona che potrebbero aver registrato i fatti, avvenuti dopo la chiusura del locale alle 3 di notte.

Una considerazione ulteriore di Pizza: “sabato abbiamo fatto una manifestazione di solidarietà con gli immigrati regolari che vivono a Udine. Lunedì sera in consiglio abbiamo visto dei militanti di destra tra il pubblico, con ben ostentati i loro simboli sulle giacche. Non è che l’episodio di stanotte si inserisce in un innalzarsi dell’intolleranza in città, magari tra le frange estreme e i balordi che le circondano”?

“L’Arcigay-Arcilesbica esprimono preoccupazione per questi episodi che richiamano alla memoria il precedente del banchetto dell’associazione devastato – unico tra i tanti – a FriuliDoc nel 2005.

“Non è un semplice atto vandalico – denunciano i presidenti Eva Dose e Daniele Brosolo – perché si inserisce in una scia di odio verso i gay che sta segnando anche il nostro Paese. Stupri di donne violentate perché lesbiche, pestaggi ai danni di gestori di locali gay. Solo per citare gli ultimi fatti di cronaca. E, comunque, ci vengono denunciati ogni giorno anche a Udine episodi di epiteti verso gli omosessuali. Come può sentirsi un giovane gay all’inizio di un percorso di autoaccettazione se tra i compagni di classe l’offesa peggiore è proprio di essere omosessuale? E vedersi associato alla svastica o mandato al rogo come faceva l’Inquisizione?”.

Particolarmente grave, infatti, il richiamo al nazismo tramite le svastiche. Nemmeno due anni fa l’Arcigay aveva organizzato una mostra in Sala Ajace – patrocinata dal Comune di Udine – per ricordare lo sterminio nazifascista delle persone omosessuali. Arcigay opera in città da oltre 17 anni. Auspica anche a Udine un clima sereno e di tolleranza, chiedendo la solidarietà della città, perché ogni volta che si vedono le svastiche tutte le forze democratiche dovrebbero allertarsi.

I gestori del locale, visibilmente preoccupati, lavoreranno con molta paura d’ora in poi e chiedono per questo alle Forze dell’Ordine di aumentare la vigilanza. “Il lavoro di questi personaggi è stato certamente agevolato dal fatto che la vetrina è parzialmente coperta a causa del protrarsi dei lavori in un cantiere, ora i lavori sembrano quasi finiti e la copertura potrebbe essere rimossa, ma da stanotte avremo paura ad uscire dal bar”.

Ad ogni modo i gestori si sono già attivati – incoraggiati dall’Arcigay – a fare una festa di solidarietà domenica sera, alla quale hanno invitato i clienti e gli autori dei gesti che, anziché operare di notte e di nascosto, potrebbero venire e conoscere direttamente le persone che offendono”.

Comunicato congiunto di Daniele Brosolo, Eva Dose e Enrico Pizza

_

Fonte Gazzettino da ArciLesbica Udine

Non era mai avvenuto a Udine e in genere in Friuli: l’omofobia è stata incisa, nella notte fra venerdì e sabato, sui muri di un noto locale cittadino, frequentato prevalentemente da omosessuali, uomini e donne.

Inequivocabile il contenuto del gesto: «Gay al rogo», si leggeva fino a ieri mattina, prima della decisione, presa dai gestori del bar, di far sparire tutto, dal momento che i passanti e gli abitanti del condominio storcevano il naso, stando al racconto riferito dal consigliere comunale Enrico Pizza che, come esponente Arcigay, è stato depositario, assieme all’Arcilesbica, del grave oltraggio contornato da svastiche. «Gli epiteti che spesso si sentono lanciare gli omosessuali friulani sono già un segnale evidente dalla mancata accettazione. Ora che si aggiunge il preoccupante episodio delle scritte minacciose, dobbiamo temere di essere riconosciuti da chi ci ha preso di mira e iniziare a guardarci attorno quando entriamo e usciamo dal locale», afferma.

Intanto, mentre si profila una denuncia contro ignoti, corredata dalle prove fotografiche, i gestori, che chiedono di essere tutelati con l’anonimato, si sono rivolti alle forze dell’ordine per ottenere protezione e maggiore vigilanza. La tensione sta crescendo e parallelamente anche la sensazione che il clima d’intolleranza in città – forse legata, secondo Pizza ed Eva Dose, referente Arcilesbica, a frange estremiste – stia diventando da pre-mobilitazione: «Qualche giorno fa abbiamo partecipato a una manifestazione di solidarietà con gli immigrati regolari e nell’ultimo consiglio comunale abbiamo notato militanti di estrema destra nel pubblico, che ostentavano i loro simboli sulle giacche», dichiarano Arcigay e Arcilesbica, che pensano non tanto al gesto vandalico in sé, ma alla scia di odio che l’ha generato e che potrebbe acuirsi.

C’è speranza d’individuare i colpevoli, dal momento che è stato chiesto alla Polizia municipale di conservare le registrazioni delle videocamere piazzate nella zona.

Irene Giurovich

azioni_fasciste
r_friuli


articolo precedente           articolo successivo