antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
La violenza che ci sommerge: Noi sappiamo
- Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
A Milano i cortei contrapposti contro la guerra: da una parte i neofascisti, dall'altra il movimento antirazzista
- Apre nuovo spazio di Casapound, corteo di Firenze Antifascista
- La Sapienza, dopo le cariche occupata la facoltà di Scienze politiche
- Tensioni alla Sapienza per il convegno con FdI e Capezzone: scontri tra polizia e studenti
- Il nuovo movimento degli ex di Forza Nuova a un anno dall’assalto alla Cgil
- Bologna, femministe contro patrioti alla manifestazione "a difesa delle donne": insulti e tensioni
- Bologna Non Una Di Meno torna in piazza e dilaga: “Risale la marea!”
- Elezioni, contestatori al comizio di Giorgia Meloni a Trento: cantano “Bella ciao” e urlano “siamo tutti antifascisti”
- L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra
- Bari Processo CasaPound, in sette chiedono "messa alla prova". Fuori il presidio antifascista

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.11.22 Quel filo che dall’Ordine di Hagal arriva a CasaPound
19.10.22 Giorgia Meloni firma la Carta di Madrid di Vox
7.10.22 GRUPPI NEONAZISTI USA
16.09.22 L’Europa nuovamente alle prese con l’avanzata dell’estrema destra
15.09.22 Ultradestra, la galassia nera torinese messa in crisi dall’ascesa di Meloni
10.09.22 Sette decenni di collaborazione nazista: Il piccolo sporco segreto dell'America in Ucraina
28.08.22 Inchiesta su M. 2/3
27.08.22 Antifa - Stati Uniti d'America
17.08.22 Inchiesta su M.
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence
11.03.22 I ‘foreign fighters’ neofascisti che combattono in Ucraina
7.03.22 L’assedio di Mariupol e il battaglione Azov
27.01.22 Riflusso neonazista. La deriva dell'Est Europa: negare gli orrori del passato

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superati i due milioni di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | estrema destra USA | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.12.21
Irruzione CasaPound a Chi l’ha Visto dopo gli scontri di piazza Navona: chiesti 2 anni e 8 mesi
·
L’assalto squadrista risale al 3 novembre 2008. Un gruppo di esponenti di CasaPound entrò nella sede di Chi l’ha Visto con caschi e volti travisati, ma non trovò nessuno. Cercavano i giornalisti dopo la messa in onda di un servizio su piazza Navona.

La Procura di Roma ha chiesto una condanna a due anni e otto mesi di reclusioni per i dodici imputati nel processo per l'assalto alla sede Rai avvenuto il 3 novembre 2008. Si tratta di appartenenti al movimento di estrema destra CasaPound, tra cui i leader Gianluca Iannone e Simone Di Stefano. Gli imputati hanno chiesto di essere giudicati con il rito abbreviato che permette, in caso di condanna, di accedere allo sconto di un terzo della pena. Sono tutti accusati di resistenza, violenza e minaccia a incaricati di pubblico servizio aggravate dal numero dei partecipanti. La sentenza del giudice è attesa per il prossimo 10 febbraio. La Rai si è costituita parte civile nel processo, ed è rappresentata dall'avvocato Marcello Melandri.

L'assalto squadrista alla Rai avvenne la sera del 3 novembre 2008. La trasmissione ‘Chi l'ha Visto' aveva appena mandato in onda immagini inedite degli scontri di piazza Navona avvenuti pochi giorni prima, in cui si vedevano esponenti di Blocco Studentesco – organizzazione giovanile di CasaPound – picchiare gli studenti che erano scesi in piazza. Poco dopo, la tentata irruzione di un gruppo di esponenti di estrema destra negli studi Rai. Cercavano i giornalisti. La sede però era vuota, non c'era nessuno al momento e sono dovuti tonare a casa. Secondo quanto ricostruito dall'accusa, il gruppo voleva "conseguire per alcuni di loro e per terzi l'impunità per la partecipazione alle aggressioni e alla rissa verificatesi in piazza Navona il 29 ottobre".

Le minacce di Forza Nuova ai giornalisti di Chi l'ha Visto

Il processo per l'irruzione di CasaPound negli studi Rai è cominciato dopo moltissimi anni dai fatti, cosa che ha sollevato molte polemiche data la gravità dell'accaduto. A dodici anni dall'accaduto, la trasmissione ‘Chi l'ha Visto' ha mandato in onda per la prima volta le minacce che quella stessa notte erano state fatte telefonicamente alla redazione. Le chiamate sono arrivate dalla sede di Forza Nuova, ma il responsabile non è mai stato individuato. "Questa è la segreteria nazionale di Forza Nuova, abbiamo visto il vostro numero del 3 novembre in cui chiedete chi l'ha visto, dove abita, nome e cognome, noi facciamo lo stesso su di voi. Chi ha visto voi, chi lavora con voi, dove abitate, nome e cognome e poi verremo sotto le vostre case". "Qualcuno di voi si è perso un cane? Noi l'abbiamo visto, che dobbiamo fare, lo dobbiamo prendere? Lo laviamo? Gli dobbiamo levare le pulci? Poi ve lo dobbiamo ridare? Ve lo portiamo direttamente a casa, eh. Eventualmente prendiamo anche i bambini davanti all'asilo. Ci andiamo direttamente noi". Il riferimento era a Federica Sciarelli e alla sua famiglia, alla sua bambina e al pastore tedesco che aveva con sé.

https://www.fanpage.it/roma/irruzione-casapound-a-chi-lha-visto-dopo-gli-scontri-di-piazza-navona-chiesti-2-anni-e-8-mesi/

repressione_F
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo