antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra
- Bari Processo CasaPound, in sette chiedono "messa alla prova". Fuori il presidio antifascista
- Renoize 21 Focene per Renato 27/08 e 3-4-5/09
- Desenzano, il no dello scrittore Francesco Permunian: "Non presento il mio libro dove manifesta Forza Nuova"
- "Milano è antifascista": il Comune estende l'obbligo di rispetto della Costituzione per chi prende in affitto gli spazi pubblici
- Genova, i pompieri si rifiutano di togliere uno striscione antifascista. Usb: “Non creava nessun pericolo, non è nostro compito”
- Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
17.08.22 Inchiesta su M.
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence
11.03.22 I ‘foreign fighters’ neofascisti che combattono in Ucraina
7.03.22 L’assedio di Mariupol e il battaglione Azov
27.01.22 Riflusso neonazista. La deriva dell'Est Europa: negare gli orrori del passato
16.01.22 Le donne in nero: Evita sì, Giorgia no
15.12.21 Forza Nuova e No Vax, accuse di terrorismo a Fiore e Castellino
13.12.21 Neofascismi: l'Opa di CasaPound su Forza Nuova in agonia. La battaglia per l'egemonia nel mondo dell'ultradestra
21.11.21 Eminenze nere La santa alleanza tra clero, ultradestra cattolica e negazionisti del Covid
16.11.21 Forza Nuova, gli affari tra Fiore e il capo dell’organizzazione Pro-Vita
16.11.21 Come i neofascisti hanno infiltrato i no green pass
6.11.21 La rete dei nazisti italiani pronti a combattere
5.11.21 Ruotolo: "Desegretare subito il fascicolo del leader di Forza Nuova" Interrogazione del senatore ai ministri Lamorgese e Di Maio

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.05.22
Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
·
22 mayo 2022

Pochi giorni fa, la politica in Portogallo era in subbuglio. Gli ucraini residenti nel paese hanno messo in discussione l'esistenza del Partito Comunista Portoghese e ne hanno suggerito la messa al bando. Questa proposta rientrava nella campagna di criminalizzazione che il PCP sta subendo per esseresi mobilitato per la pace e aver denunciato la strumentalizzazione dell'Assemblea della Repubblica per istigazione alla guerra con l'intervento di Zelenski, a cui non hanno partecipato.
Per i comunisti portoghesi si tratta di dichiarazioni di odio fascista fatte da un responsabile di un'associazione di profughi ucraini contro l'esistenza del Partito Comunista Portoghese, in linea con le ripetute manifestazioni di ingerenza dell'ambasciatore ucraino e le dichiarazioni di anche il ministro degli Esteri ucraino ha diretto contro il PCP.

Non sono stati fuorviati. Un recente reportage pubblicato su Setenta e Quatro dal caporedattore Ricardo Cabral Fernandes , giornalista dedito a indagare sull'estrema destra e sui suoi collegamenti internazionali, rivela i legami tra Pavlo Sadokha, presidente dell'Associazione degli ucraini in Portogallo, e l'estrema destra in il suo paese. Qui riproduciamo un riassunto di quell'articolo.

CHI È PAVLO SADOKHA? COLLEGAMENTI CON L'ESTREMA DESTRA UCRAINA
È il leader più noto della comunità ucraina in Portogallo e nelle ultime settimane è diventato un habitué dei media portoghesi. Ma chi è Pavlo Sadokha, presidente dell'Associazione degli ucraini in Portogallo? E soprattutto, quali legami ha con l'estrema destra ucraina?
È nato il 2 febbraio 1970 a Leopoli, nell'Ucraina occidentale, in una famiglia di tradizione reazionaria i cui parenti hanno partecipato all'organizzazione ultranazionalista dei nazionalisti ucraini (OUN) guidata da Stepan Bandera. Economista di formazione, Pavlo Sadokha è emigrato dall'Ucraina al Portogallo nel 2001 e, anni dopo, nel 2008, è entrato a far parte dell'Associazione degli Ucraini in Portogallo, una delle principali associazioni ucraine e con stretti rapporti con l'ambasciata ucraina in Portogallo. È diventato presidente dell'associazione nel 2010.

LE LETTERE IN DIFESA DI STEPAN BANDERA E SVOBODA
Nel gennaio 2010, l'allora presidente ucraino Viktor Yushchenko ha conferito al collaborazionista tedesco nazista Stepan Bandera (1909-1959) il titolo postumo di Eroe dell'Ucraina. Tuttavia, la decisione non è stata ben accolta dal Parlamento europeo, che il 25 febbraio 2010 ha fortemente criticato la decisione in una risoluzione .
A diversi leader della diaspora ucraina non è piaciuta la posizione dell'organismo europeo. Uno di loro era Pavlo Sadokha, il primo firmatario di una lettera aperta contro la risoluzione del Parlamento europeo. "Come uno dei combattenti più brillanti dello Stato indipendente e conciliare dell'Ucraina, [Stepan Bandera] è un simbolo dell'Ucraina indipendente", si legge nella lettera, firmata dai leader delle associazioni ucraine in Portogallo, Germania, Italia, Spagna e Grecia.
Sadokha non si è fermato a parole di lode per Bandera. Il presidente dell'Associazione degli ucraini in Portogallo faceva parte di un gruppo di ucraini che, nell'ottobre 2019, ha visitato e reso omaggio alla tomba del leader ucraino di estrema destra a Monaco, in Germania. E sui suoi social ci sono foto di lui con in mano degli striscioni con la faccia di Bandera.
Se l'elogio e la smentita dei crimini di Stepan Bandera attraversano l'estrema destra ucraina, i legami di Sadokha con l'estrema destra non si fermano qui. Tra il 2012 e il 2014, Pavlo Sadokha è stato consigliere del deputato di Svoboda Yuriy Syrotiuk, eletto alle elezioni legislative del 2012 ed ex capo della stampa del partito di estrema destra . Syrotiuk era allora una delle figure più importanti di Svoboda.

COLLEGAMENTO AL BATTAGLIONE NEO-NAZISTA SICH
Alla fine del 2013 sono iniziate le proteste di Euromaidan contro il governo Yanukovich e i militanti del partito di estrema destra Svoboda hanno svolto un ruolo chiave nelle proteste. Nonostante l'estrema destra sia una minoranza dei manifestanti, i suoi militanti, agendo in modo organizzato, sono riusciti a trarre grande vantaggio dal caos della rivolta politica che si stava preparando. all'epoca, criminalizzando e perseguitando i manifestanti europeisti che li criticavano.
Il presidente Yanukovich è stato deposto e Svoboda ha fatto parte della coalizione di governo per alcuni mesi, fino a quando non sono state organizzate e tenute nuove elezioni. Il russo è stato bandito come seconda lingua ufficiale, una delle misure programmatiche di Svoboda, e il Partito Comunista d'Ucraina, visto come la quinta colonna della Russia, è stato bandito, con Svoboda euforico.
Scoppiò la guerra che sarebbe durata, prima con intensità, poi come conflitto a bassa intensità, nel Donbass, fino a quando la Russia non invase l'Ucraina il 24 febbraio 2022. Nel 2014 l'estrema destra si avvantaggia dei combattimenti (quelli che gli ucraini chiamavano «operazione antiterroristica» ) nell'est del Paese per creare diversi battaglioni.
Svoboda ne creò uno proprio, il Battaglione Sich , il cui logo è un cosacco (riferito al popolo cosacco di Zaporizhia, noto per il loro coraggio e coraggio) e le lettere C14, riferendosi all'espressione neonazista "Dobbiamo garantire l'esistenza del nostro persone e un futuro per i bambini bianchi” del suprematista bianco americano David Lane.
Nel 2014, il battaglione è entrato a far parte delle forze di sicurezza volontarie di kyiv, ribattezzandosi la 4a compagnia Sich del reggimento di kyiv, un'unità speciale di polizia. Ma ciò non gli ha impedito di ricevere il sostegno pubblico di Svoboda, né di avere legami organici con il partito, ricevendo forniture, per esempio.
Una delle persone che sono venute a Kiev nell'ottobre 2014 per consegnare munizioni, medicine e cibo al battaglione Sich era Pavlo Sadokha, ha riferito Svoboda sul suo sito web. In piazza Sofia, nella capitale, Sadokha, che stava parlando in qualità di consigliere del deputato Svoboda e rappresentante della comunità ucraina in Portogallo, ha parlato fianco a fianco con rappresentanti del partito di estrema destra.
Tuttavia, non è stato l'unico incontro con Svoboda a cui ha partecipato. Il leader dell'associazione ha incontrato il 23 agosto 2016 il Consiglio regionale di Leopoli del partito di estrema destra per discutere la cooperazione tra l'ente locale e le comunità della diaspora ucraina. Tra i presenti all'incontro c'era Ivan Vovk, presidente dell'Associazione patriottica ucraina a Volia, in Spagna, e volto principale di Svoboda in terra spagnola, secondo quanto ha raccoltoGiornale pubblico

CAMBIA RIGHT SECTOR

A partire dal 2016, le relazioni tra Sadokha e Svoboda si sono deteriorate. Il leader dell'associazione ha sviluppato rapporti con il governo del presidente, Petro Poroshenko, e "alcuni di Svoboda" lo hanno accusato di essersi esaurito. Attualmente “non abbiamo più collegamenti”, dichiarano le fonti del partito di estrema destra.

Ma fino a quando il presidente dell'Associazione degli ucraini del Portogallo e il partito di estrema destra non hanno voltato le spalle, il primo ha sostenuto i battaglioni di estrema destra non appena è iniziata la guerra nell'Ucraina orientale nel 2014. “L'associazione ha contatti diretti con le milizie in l'Ucraina, per inviare gli aiuti che abbiamo raccolto in Portogallo. Non abbiamo un orientamento neonazista", ha detto Sadokha, citato dall'Express il 16 luglio 2015.

Nei due anni successivi all'inizio della guerra, Sadokha inviò rifornimenti al battaglione ultranazionalista del Settore Destro, il cui simbolo è il tridente ucraino su una bandiera rossa e nera, riferimento allo slogan nazista. Lo ha fatto almeno due volte, nel luglio 2015 e nel luglio 2016. E due militanti del gruppo di estrema destra lo hanno ringraziato in un video, trasmesso sul sito dell'Associazione degli ucraini in Portogallo.

Ma il presidente dell'Associazione degli ucraini in Portogallo è andato oltre: ha persino guidato un'ambulanza con rifornimenti da Lisbona a Mariupol, nell'Ucraina orientale, accompagnato da due giornalisti del settimanale Expresso. “A quel tempo abbiamo anche visitato Azov e Right Sector, siamo andati a Mariupol. Siamo andati lì per consegnare cose ad Azov", ha detto Sadokha a Settantaquattro. L'ambulanza è rimasta lì, Sadokha è poi tornato in Portogallo.

Con l'inizio della guerra tra Ucraina e Russia, i media hanno prestato particolare attenzione alla comunità ucraina residente in diversi paesi. Questo problema è stato utilizzato da Sadokha per lanciare i suoi proclami di estrema destra ma anche per usare quell'altoparlante per chiedere aiuto che sta finendo nelle organizzazioni di estrema destra e naziste nel suo paese.

https://insurgente.org/portugal-ucranianos-piden-en-lisboa-que-se-prohiba-al-partido-comunista/

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo