antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra
- Bari Processo CasaPound, in sette chiedono "messa alla prova". Fuori il presidio antifascista
- Renoize 21 Focene per Renato 27/08 e 3-4-5/09
- Desenzano, il no dello scrittore Francesco Permunian: "Non presento il mio libro dove manifesta Forza Nuova"
- "Milano è antifascista": il Comune estende l'obbligo di rispetto della Costituzione per chi prende in affitto gli spazi pubblici
- Genova, i pompieri si rifiutano di togliere uno striscione antifascista. Usb: “Non creava nessun pericolo, non è nostro compito”
- Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence
11.03.22 I ‘foreign fighters’ neofascisti che combattono in Ucraina
7.03.22 L’assedio di Mariupol e il battaglione Azov
27.01.22 Riflusso neonazista. La deriva dell'Est Europa: negare gli orrori del passato
16.01.22 Le donne in nero: Evita sì, Giorgia no
15.12.21 Forza Nuova e No Vax, accuse di terrorismo a Fiore e Castellino
13.12.21 Neofascismi: l'Opa di CasaPound su Forza Nuova in agonia. La battaglia per l'egemonia nel mondo dell'ultradestra
21.11.21 Eminenze nere La santa alleanza tra clero, ultradestra cattolica e negazionisti del Covid
16.11.21 Forza Nuova, gli affari tra Fiore e il capo dell’organizzazione Pro-Vita
16.11.21 Come i neofascisti hanno infiltrato i no green pass
6.11.21 La rete dei nazisti italiani pronti a combattere
5.11.21 Ruotolo: "Desegretare subito il fascicolo del leader di Forza Nuova" Interrogazione del senatore ai ministri Lamorgese e Di Maio
27.10.21 Forza Nuova, il Parlamento rinuncia allo scioglimento per tutelare il governo

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 19.12.20
L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
·
Inchiesta sulla destra più dura, xenofoba e nostalgica. Che guarda adesso all'"originale", tornando alle origini e al partito più rampante, quello di Giorgia Meloni

16 Dicembre 2020

L'ultradestra torna a casa. No, non stiamo parlando dei flop elettorali collezionati dalle due principali formazioni neofasciste italiane - CasaPound e Forza Nuova (quest'ultima appena confluita nel nuovo contenitore fascio-negazionista Italia Libera). Ci riferiamo ai sommovimenti in atto nella galassia nera in questa stagione complessa segnata dall'incertezza dei partiti e dalla pandemia: in particolare, in prospettiva, all'orizzonte al quale guardano i movimenti che si collocano a destra della destra. Un orizzonte "nuovo", se è possibile usare questo termine. Ridisegnato da capi e capetti con un andamento intermittente, ma che ora si delinea.

Dopo una stagione di vicinanza ideale, alleanze, ammiccamenti, affinità elettive, strappa e cuci con la Lega salviniana e nazionalista - che su impulso del "capitano" Matteo lo aveva abbracciato e anche un po' cannibalizzato usando il gancio del sovranismo - il mondo della destra più dura, xenofoba e nostalgica guarda adesso non più alla "copia" ma all'"originale": i Fratelli d'Italia. È il carro sul quale si prepara a salire la neofascisteria nell'era Covid. Il carro dei "patrioti".

Roma, cariche di ultrà e Forza Nuova contro i giornalisti: interviene la polizia

Una definizione usata da Giorgia Meloni nella sua comunicazione e anche, ormai puntualmente, dai militanti dei gruppi identitari extraparlamentari. Le manovre di avvicinamento sono già iniziate: quelle di CasaPound in modo plasticamente più visibile, quelle dell'(ormai ex) Forza Nuova con una tempistica diversa e strategie e linguaggi ancora da definire. Ma una cosa è certa: sia l'una che l'altra, ognuna con i suoi schemi e le sue modalità, si preparano a portare acqua al partito tricolore.

Il partito nel quale i camerati del vecchio e nuovo millennio non hanno certo difficoltà a riconoscere i tratti della loro identità, i loro valori. Lì ci sono le radici della loro storia: l'inizio di un percorso dal quale CPI e FN hanno poi deviato. Ma che in fondo è lo stesso da cui arrivano tanti esponenti e dirigenti di FdI, la vecchia fiamma tricolore nel simbolo. Incominciamo questo viaggio da Forza Nuova - la chiamiamo ancora così, anche se "abbiamo messo nel cassetto la nostra bandiera", per dirla con il ras romano pluripregiudicato Giuliano Castellino.

"L'estrema destra punta a riciclarsi con Fratelli d'Italia per due motivi. Primo motivo: in questo modo crede di ripulirsi da scandali e violenze di piazza. Il che è a dir poco discutibile. Secondo: è un approdo, diciamo, naturale. Terzo: spera di riuscire a capitalizzare più di quanto non sia riuscita a fare con la Lega di Salvini. Che l'ha sì sdoganata. Ma per poi sostanzialmente mollarla, dopo averla usata. Cosa che potrebbe riaccadere domani con Meloni". Lui è Massimo Perrone, ex dirigente forzanovista. Da anni ha preso le distanze da Fiore &co. Non rinnega la sua storia e le sue idee, essendo cresciuto per altro nei quadri delle organizzazioni giovanili del Msi di Giorgio Almirante (lo stesso Fronte della Gioventù frequentato da "Giorgia" quando era ormai avviato verso il tramonto).

"I neofascisti si mettono a disposizione perché chi crea confusione fa sempre comodo a un partito in ascesa che ha voti, uomini e risorse. Chi crea confusione - continua Perrone - funge da cooperativa di servizio quando serve. Ricordo quando, come Forza Nuova, ci mettemmo al servizio di Alessandra Mussolini che fondò Azione Sociale poi confluito in Alternativa Sociale". Il passaggio da Salvini alla Meloni, dunque. "Salvini non è mai stato uno dei nostri. Ha fatto finta, il suo è stato solo un calcolo politico, astuzia da politicante. Non ha i nostri valori e i nostri ideali, è sovranista tanto al chilo. Ha sfruttato la buona fede di tanti ragazzi e anche di Borghezio, salvo poi scaricarlo".

A differenza di CasaPound, va detto, Forza Nuova non ha mai stretto alleanze né flirtato con la Lega. Ma in più occasioni, quando il Salvini dei respingimenti e dei porti chiusi era ministro, l'"uomo forte" al governo che postava "tanti nemici tanto onore" nel genetliaco di Mussolini, da Roberto Fiore sono arrivati espliciti apprezzamenti. Fino al riconoscimento-ammissione che sì, "Salvini ha saputo, meglio di altri, interpretare le nostre sfide e tradurre in fatti alcune delle idee che noi portiamo avanti da anni". Così parlò l'ex terrorista di Terza Posizione dopo la batosta di Fn alle elezioni europee del 2019 (la stessa cosa toccò ammettere, leccandosi le ferite, anche a Simone Di Stefano, leader di CasaPound). Come tutti i fatti della politica, anche i terreni di contiguità tra Forza Nuova (e derivati) e FdI - ufficialmente smentiti da entrambi - vanno visti scavando sotto la superficie. Anche dei luoghi fisici.

Via Paisiello, quartiere Parioli, Roma. In una palazzina elegante al civico 40 c'è la sede di Forza Nuova. L'appartamento - come noto - fa parte del patrimonio immobiliare della fondazione Alleanza Nazionale. Ha già ospitato la redazione del Giornale d'Italia e de La Destra di Francesco Storace. Forza Nuova l'ha occupato da anni. Giorgia Meloni dice di avere fatto causa per lo sfratto. Ad oggi non è ancora stato eseguito. Perché? Da via Paisiello sia Fiore sia il suo delfino romano Castellino (che di occupazioni s'intende) rilasciano interviste. Da lì "Giuliano" - come lo chiamano i suoi ragazzi, ultrà romanisti e laziali protagonisti dei violenti scontri no covid a fine ottobre nel cuore della capitale - ha lanciato il 29 ottobre, due giorni dopo le bombe carta e i cassonetti rovesciati, la coalizione fascionegazionista Italia Libera (FN, gilet arancioni, Carlo Taormina, no mask e ex M5S).

Da lì Fiore pontifica sul futuro: "Le forze di popolo, patriottiche e nazionaliste, uniscono le forze contro la dittatura sanitaria e il potere delle lobby". Dietro la svolta di Forza Nuova che, per rifarsi una verginità, finge di sciogliersi abbracciando Taormina e i gilet di Pappalardo, ci sono in realtà motivazioni molto meno ideali. Legate a non più tamponabili difficoltà finanziarie. La creatura politica di Fiore - ritenuto politicamente impresentabile anche da tanti dei suoi, da qui la scissione che ha svuotato il partito e dato alla luce una "Rete delle comunità forzanoviste" - è assediata da debiti su debiti. Buchi scavati negli anni. Debiti anche nei confronti delle segreterie che si sono avvicendate dagli anni '90 a oggi.

Ecco l'impulso a rinnovarsi dentro un nuovo soggetto politico, ecco la tentazione di sondare il terreno e offrirsi in dote all'area che ruota intorno a FdI. Dice ancora Perrone: "Non conosco le carte. Ma forse a FdI costerebbe di più mantenere quei locali se fossero vuoti piuttosto che occupati da chi, in qualche modo, li tiene in ordine". C'è chi la storia dell'appartamento dei Parioli la interpreta con malizia. "Che FdI abbia fatto causa è certo. Che faccia pressioni per cacciare via la banda Fiore e liberare i locali non è dato sapere", è il ragionamento sulla bocca di un parlamentare di lungo corso.

Da Roma a Verona. Nel segno di Italia Libera. Il lessico dei camerati forzanovisti fusi coi gilet arancioni spinge su alcune parole mantra: "Nazional Rivoluzionari", "patrioti", "popolo". Nazional rivoluzionario si definisce, in ogni salsa, Luca Castellini. Responsabile per il nord Italia di Fn e capo pluridaspato dell'Hellas.

Il ribellismo anti Stato, anti-sistema, anti dittatura sanitaria - l'ossimoro perfetto nel caso dei nostalgici del regime di Mussolini - viene declinato con uno slogan di bossiana memoria. "Padania libera!", scandiva il senatùr arringando la folla. Il primo passo della neonata Italia Libera nero-arancione è il franchising dello slogan. "Verona Libera", scrive sui social Castellini. Ci sarà Brescia Libera, Como Libera, Roma Libera, e via dicendo. Un brand nero come già lo erano state le varie Roma ai Romani, Brescia ai bresciani ecc. Nel nuovo asset i forzanovisti porteranno avanti ciò che provano a fare da tempo: catalizzare le spinte più dure (anche violente) delle protesta contro il governo Conte. Soffiando sulla paura e solleticando la pancia delle città. "Casa dei patrioti" è la sede di Fn a Verona. C'è questa firma sul video che Castellini ha postato: una "passeggiata della sicurezza" in zona stadio a Verona.

I "butei" della curva più a destra d'Italia fanno la ronda contro "degrado" e "spaccio". E dopo una violenta aggressione avvenuta davanti al loro pub The Den. "La nostra solidarietà arriva dalla strada... inauguriamo un ciclo di controllo militante del territorio. Verona Libera". Controllo militante, già. Ronde. Intruppati come soldati. Tutto cambia e niente cambia nel più antico pianeta neofascista ancora su piazza. Forza Nuova in teoria avrebbe chiuso la sua era dopo 23 anni, sempre stesso nome e stesso simbolo. E' probabile che l'era continui sotto mentite spoglie e nuovi padrini politici.

1. continua

https://www.repubblica.it/politica/2020/12/16/news/ultra_destra_vira_verso_fratell_d_italia-278625392/

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo