antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra
- Bari Processo CasaPound, in sette chiedono "messa alla prova". Fuori il presidio antifascista
- Renoize 21 Focene per Renato 27/08 e 3-4-5/09
- Desenzano, il no dello scrittore Francesco Permunian: "Non presento il mio libro dove manifesta Forza Nuova"
- "Milano è antifascista": il Comune estende l'obbligo di rispetto della Costituzione per chi prende in affitto gli spazi pubblici
- Genova, i pompieri si rifiutano di togliere uno striscione antifascista. Usb: “Non creava nessun pericolo, non è nostro compito”
- Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
17.08.22 Inchiesta su M.
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence
11.03.22 I ‘foreign fighters’ neofascisti che combattono in Ucraina
7.03.22 L’assedio di Mariupol e il battaglione Azov
27.01.22 Riflusso neonazista. La deriva dell'Est Europa: negare gli orrori del passato
16.01.22 Le donne in nero: Evita sì, Giorgia no
15.12.21 Forza Nuova e No Vax, accuse di terrorismo a Fiore e Castellino
13.12.21 Neofascismi: l'Opa di CasaPound su Forza Nuova in agonia. La battaglia per l'egemonia nel mondo dell'ultradestra
21.11.21 Eminenze nere La santa alleanza tra clero, ultradestra cattolica e negazionisti del Covid
16.11.21 Forza Nuova, gli affari tra Fiore e il capo dell’organizzazione Pro-Vita
16.11.21 Come i neofascisti hanno infiltrato i no green pass
6.11.21 La rete dei nazisti italiani pronti a combattere
5.11.21 Ruotolo: "Desegretare subito il fascicolo del leader di Forza Nuova" Interrogazione del senatore ai ministri Lamorgese e Di Maio

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.04.22
La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
·
in fondo, – a seguire nota polemica di Infoantifa

Da rivista
MICROMEGA

L’ampio consenso che i paramilitari di estrema destra stanno raccogliendo è l’ennesimo errore di lettura che porterà allo sdoganamento di forze reazionarie. In Italia ne sappiamo qualcosa. Per questo è utile ricordare chi sono veramente i “ragazzi” di Azov.

Valerio Nicolosi

20 Aprile 2022

“Questo è il fiore del partigiano, morto per la libertà” recita Bella Ciao, canzone della resistenza italiana conosciuta in tutto il mondo e tradotta in oltre 40 lingue, anche in ucraino. A inizio marzo la cantante Khrystyna Soloviy ha riadattato il testo contro l’invasore russo e l’ha fatta diventare una delle canzoni della resistenza ucraina. Il testo recita: “Uccideremo i boia maledetti senza pietà (…) nella Difesa territoriale ci sono dei ragazzi migliori, nelle nostre forze armate combattono veri eroi”.

Scorrendo la bacheca Facebook di Khrystyna Soloviy esattamente sotto al post in cui lancia la rivisitazione di Bella Ciao, c’è una foto dei suoi anfibi in cui spicca la scritta “Батько нaш Банде́ра” che tradotto significa “Nostro padre Bandera”. Il riferimento è a Stepan Bandera, il capo dei nazionalisti ucraini durante la Seconda guerra mondiale che giurò fedeltà a Hitler e che oggi continua a essere ricordato in Ucraina nei settori di estrema destra e nazionalisti, che nel 2012 con la formazione Svoboda hanno raggiunto il 10% dell’elettorato e che hanno cavalcato il movimento di Piazza Maidan del 2014, entrando a far parte del governo provvisorio. Una parabola poi discendente: Poroschenko li caccia rapidamente dal governo e alle elezioni del 2019 ottengono poco più del 2% dei voti.

Dell’estrema destra ucraina fanno parte anche Pravy Sector e il Corpo Nazionale, gruppo politico legato al Battaglione Azov: entrambi si rifanno al nazismo e dopo aver partecipato alle manifestazioni del 2014, hanno perso parte del consenso elettorale ma si sono rafforzati su quello militare, combattendo in Donbass contro i separatisti filorussi acquistando prestigio militare, tanto che nel gennaio 2015 il Battaglione Azov viene integrato alla Guardia Nazionale Ucraina.

Con l’inizio della guerra abbiamo assistito a quello che potremmo chiamare un’operazione di pulizia dell’immagine di questi gruppi, in particolare del Battaglione Azov, con interviste da parte dei media in cui dichiarano di non essere nazisti, di leggere Kant e di combattere per la libertà. Versione che confligge con il loro simbolo, la runa Wolfsangel, utilizzata da un battaglione delle SS e ripresa in Italia dall’organizzazione eversiva neofascista Terza Posizione, operativa dal 1978 al 1982 e sciolta dopo una serie di arresti e processi.

Fino a poco tempo fa invece il Battaglione Azov era collegato alle inchieste giornalistiche e giudiziarie sul suprematismo bianco e all’antisemitismo: nell’autunno 2019 in Campania sono stati arrestati alcuni membri di un’associazione spirituale che secondo gli inquirenti funzionava da base per il reclutamento e l’addestramento paramilitare di singoli militanti, spesso fuoriusciti dalle organizzazioni neofasciste italiane. Secondo le indagini c’è un filo che collega questa attività al Battaglione Azov e alle altre organizzazioni neonaziste e suprematiste internazionali. Sempre nel 2019 negli Stati Uniti c’è stata la richiesta da parte di alcuni deputati del Congresso di Washington di inserire i Azov nella lista delle organizzazioni terroristiche, anche per i rapporti con i suprematisti d’oltreoceano che spesso si sono arruolati nelle sue fila. Ma non c’è solo Azov nell’estrema destra ucraina paramilitare, ci sono anche Aidar, Donbass, Dnepr 1 e Dnepr 2, tutti battaglioni sostenuti economicamente dallo stesso oligarca: Ihor Kolomoyskyi, tra le prime tre persone più ricche d’Ucraina, dal 2021 ospite non gradito negli Usa, con un mandato di cattura sulla sua testa da parte dei tribunali russi. Personaggio molto controverso, è stato ex governatore dell’oblast di Dnipropetrovsk, presidente della maggiore banca ucraina “Privat Bank”, proprietario della squadra di calcio FC Dnipro Dnipropetrovsk nonché dell’emittente televisiva 1+1, quella che ha trasmesso la serie tv “Servant of the People” in cui Vlodomyr Zelensky interpretava proprio la parte del presidente dell’Ucraina.

Secondo il giornale “Politico” Kolomoyskyi avrebbe finanziato il battaglione Dnepr con 10 milioni di euro, costituendo di fatto un suo esercito privato che ha respinto le truppe separatiste, mantenendo la regione in pace. “Mentre il Donbass brucia, la nostra città è tranquilla come un cimitero. E questo è grazie al nostro governatore Kolomoisky” è una frase attribuita a un ristoratore di Dnipro sempre da Politico.

Durante la campagna elettorale gli altri candidati accusavano Zelensky di essere il burattino di Kolomoisky e che di fatto sarebbe stato lui il vero presidente in caso di vittoria del comico.

Aldar, uno dei battaglioni che il magnate ucraino avrebbe sostenuto dal 2014, si è reso protagonista di una serie di violazioni dei diritti umani denunciati da un rapporto di Amnesty International. “Sono stati coinvolti in abusi diffusi, inclusi rapimenti, detenzioni illegali, maltrattamenti, furti, estorsioni e possibili esecuzioni” accusa l’organizzazione umanitaria mentre una donna di Donetsk ha raccontato a Newsweek di aver ricevuto la testa di suo figlio, combattente filo-russo, in una scatola di legno.

Complessivamente dopo il 2014 in Ucraina sono nati circa 30 battaglioni indipendenti che sono andati a colmare le falle che l’esercito nazionale aveva lasciato nell’Est e nel Sud del Paese, tanto da essere comunque coordinati dal Ministero della Difesa di Kiev e, con tempi e modalità differenti, inseriti nella Guardia Nazionale ucraina, a eccezione del battaglione Alder che, dopo una serie di provocazioni e interferenze con la politica di Kiev, è stato sciolto nel 2015 e di fatto trasformato nel 24° battaglione d’assalto. “In connessione con la necessità di una regolamentazione legislativa dell’esistenza di battaglioni di volontari, nonché di prevenzione di azioni illegali da parte di alcuni rappresentanti di formazioni di volontari, lo Stato maggiore delle forze armate dell’Ucraina ha deciso di formare unità militari delle forze armate sulla base dei battaglioni di volontari”, ha dichiarato Vladislav Seleznev, all’epoca capo del servizio stampa dello stato maggiore ucraino.

Stessa sorte è toccata al Battaglione Azov dopo aver riconquistato la città di Mariupol, strategica per l’affaccio sul Mar d’Azov e oggi tornata centrale in questa guerra, tanto che proprio i militari dell’Azov stanno resistendo all’interno del plesso industriale della città, cosa per la quale sono stati paragonati da Giuliano Ferrara agli spartani alle Termopili, con un editoriale intitolato “Ora che sta per soccombere, il battaglione Azov merita solo rispetto” e nel quale dice: “Qualche curvaiolo della Dinamo Kyiv, tatuato con la svastika, fa parte di un battaglione nazionalista chiamato battaglione Azov. E dunque?”.

L’editoriale di Ferrara non è un caso isolato, anzi. Come sottolineato in apertura i media europei, soprattutto italiani, stanno facendo un’operazione di pulizia dei “ragazzi”, come spesso vengono definiti, del battaglione Azov, sminuendo la rilevanza che potrebbero avere a livello politico dopo questa guerra. Non è un caso, infatti, se Zelensky in conferenza con il parlamento greco li ha fatti presenziare insieme a lui. La comparsata degli “eroi di Mariupol” ha creato molte polemiche ad Atene, dove appena un anno e mezzo fa è stata messa al bando l’organizzazione neofascista Alba Dorata che con il Battaglione Azov ha condiviso l’esperienza del Forum “Iron March”, chiuso nel 2017, e che è stato un punto di aggregazione dei neofascisti e neonazisti a livello internazionale.

Al momento Azov ha due battaglioni nell’Oblast di Kiev, è presente a Zaporižžja e ha circa 1.500 uomini a Mariupol, dove si trova anche “l’eroe d’Ucraina” Denis Prokopenko, il comandante del Battaglione che è stato insignito da Zelenski della più alta carica del Paese. Dalla loro postazione hanno affermato attraverso un video che i russi stanno usando armi chimiche, notizia ripresa dai giornali italiani come fonte attendibile mentre il governo di Kiev non si sbilanciava e i servizi d’intelligence occidentali davano la notizia come non verificata.

La centralità di Azov e degli altri gruppi neonazisti è quindi cresciuta nel corso della guerra, l’attenzione mediatica che ricevono e l’attendibilità come fonte conferisce loro anche una credibilità politica, potenzialmente pericolosa per il futuro.

https://www.micromega.net/battaglione-azov/



nota di infoantifa (www.ecn.org/antifa)

molto raramente questo sito interviene o commenta o critica i contenuti provenienti da diverse fonti per lo piu' mainstream, ma...

... e' difficile non rimanere sconcertati, in questi giorni, dai molti, feroci e ipocriti attacchi all'ANPI per la sua coerenza e lucidita' di analisi,

e in secondo luogo da questa lieve forma di schizofrenia che pervade la testata Micromega,

da cui provengono:

questa interessante e preoccupata documentazione sul peso determinante e l'importanza della destra estrema neonazista ucraina nall'attuale scenario militare e politico,...

... ma anche le uscite infamanti nei confronti dell'ANPI e del suo presidente, da parte del direttore della suddetta testata paolo flores d'arcais, per la mancata adesione alla volonta' di armare ulteriormente il governo ucraino e questi reparti di criminali

uscite che, tra l'altro, hanno portato alle interruzioni dei rapporti con la rivista di 3 professori collaboratori di MM


Infoantifa nel dare la propria solidarieta' all'ANPI e al Presidente Pagliarulo,
per conoscenza, riporta a seguire, comunicati dell'ANPI stesso e del suo presidente:

-----------------

L’Ufficio di Segreteria nazionale

Carissime e carissimi,

è uscito recentemente su MicroMega un lungo articolo diffamatorio nei confronti dell’ANPI a firma del suo direttore, Paolo Flores
d’Arcais. Dopo tale pubblicazione alcuni collaboratori della rivista
– il prof. Angelo D’Orsi, il prof. Tomaso Montanari, il prof.
Francesco Pallante – hanno deciso di interrompere il loro rapporto
con MicroMega comunicandoci una piena solidarietà. Paolo Flores
d’Arcais ha risposto loro che avrebbe invitato il Presidente
Pagliarulo a una sorta di faccia a faccia streaming sui temi da lui
sollevati. Effettivamente c’è arrivata questa richiesta da parte
della segreteria di redazione di MicroMega. Ai tre professori che si
sono dissociati, Gianfranco Pagliarulo ha inviato la lettera che trovate
in allegato e che ci sembra opportuno sia conosciuta dalle nostre
compagne e dai nostri compagni.

Cordialmente,

A.N.P.I.
Associazione Nazionale Partigiani d’Italia
Comitato Nazionale
via degli Scipioni, 271
00192 ROMA

------------------

A.N.P.I.
A S S O C I A Z I O N E N A Z I O N A L E P A R T I G I A N I D ’ I T A L I A

00192 Roma - Via degli Scipioni, 271
www.anpi.it

Il Presidente
Roma, 13 aprile 2022

Prof. TOMASO MONTANARI
Prof. ANGELO D’ORSI
Prof. FRANCESCO PALLANTE


Cari amici,

ho seguito il dibattito successivo alla pubblicazione dell’articolo di Paolo Flores D’Arcais pubblicato su MicroMega in merito alla posizione dell’ANPI sulla tragedia che si sta svolgendo in Ucraina. Ho appreso di conseguenza dell’intenzione di Flores D’Arcais di propormi un dialogo pubblico su questo tema. Mi è giunto poco fa dalla redazione di
MicroMega un invito formale a partecipare a tale incontro.
Nell’articolo si legge fra l’altro: “La vergogna dell’ANPI”, “Il comunicato dell’ANPI (...) è osceno e infanga i valori della Resistenza”, “il vergognoso comunicato dell’ANPI”, “veramente i dirigenti dell’ANPI non capiscono? Sono davvero così imbecilli (...)?”, “Ponzipilati dell’ANPI”, “stomacati oltre ogni possibile aggettivo da un tale baratro di ipocrisia”, “disgusto che le ignobili parole del comunicato dell’ANPI hanno provocato”, “il
carattere disgustosamente ponziopilatesco della posizione dell’ANPI”, “robbaccia (con due b). Robbaccia inqualificabile di piccoli mediocri politici, forse politicanti, che con la Resistenza hanno poco a che fare e con i valori della Resistenza nulla”.
L’articolo è corredato da due foto giustapposte, la prima rappresentante una povera vittima di quella sciagurata invasione, la seconda il mio volto sorridente, intendendo con tutta evidenza una mia indifferenza se non addirittura un compiacimento relativo alla tragedia in corso.
Dopo questo florilegio di insulti e di bassezze verso la mia persona e verso – cosa molto più grave – l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, va da sé che non risponderò all’invito della redazione e tantomeno parteciperò al richiesto dialogo.

Ringraziandovi per la vostra solidarietà, vi invio i miei più cordiali saluti.

Gianfranco Pagliarulo

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo