antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
La violenza che ci sommerge: Noi sappiamo
- Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Lo scrittore Giorgio Franzaroli restituisce il premio Acqui Edito&Inedito: “Non voglio essere accomunato a un autore neofascista”
- A Milano i cortei contrapposti contro la guerra: da una parte i neofascisti, dall'altra il movimento antirazzista
- Apre nuovo spazio di Casapound, corteo di Firenze Antifascista
- La Sapienza, dopo le cariche occupata la facoltà di Scienze politiche
- Tensioni alla Sapienza per il convegno con FdI e Capezzone: scontri tra polizia e studenti
- Il nuovo movimento degli ex di Forza Nuova a un anno dall’assalto alla Cgil
- Bologna, femministe contro patrioti alla manifestazione "a difesa delle donne": insulti e tensioni
- Bologna Non Una Di Meno torna in piazza e dilaga: “Risale la marea!”
- Elezioni, contestatori al comizio di Giorgia Meloni a Trento: cantano “Bella ciao” e urlano “siamo tutti antifascisti”
- L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.01.23 Il neofascista Roberto Fiore smentito dall’Interpol: “Viveva con Gilberto Cavallini”
25.01.23 L’ex camerata in affari con Fratelli d’Italia e le bastonate ai carabinieri
9.12.22 La nuova ultradestra
18.11.22 Quel filo che dall’Ordine di Hagal arriva a CasaPound
19.10.22 Giorgia Meloni firma la Carta di Madrid di Vox
7.10.22 GRUPPI NEONAZISTI USA
16.09.22 L’Europa nuovamente alle prese con l’avanzata dell’estrema destra
15.09.22 Ultradestra, la galassia nera torinese messa in crisi dall’ascesa di Meloni
10.09.22 Sette decenni di collaborazione nazista: Il piccolo sporco segreto dell'America in Ucraina
28.08.22 Inchiesta su M. 2/3
27.08.22 Antifa - Stati Uniti d'America
17.08.22 Inchiesta su M.
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superati i due milioni di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | estrema destra USA | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 10.09.22
Sette decenni di collaborazione nazista: Il piccolo sporco segreto dell'America in Ucraina
·
Intervista con Russ Bellant, autore di Old Nazis, the New Right, and the Republican Party.
Di Paul H. Rosenberg e Foreign Policy In Focus
28 marzo 2014

Questo articolo è una pubblicazione congiunta di TheNation.com e Foreign Policy In Focus.

Con l'evolversi della crisi ucraina nelle ultime settimane, è difficile per gli americani non vedere Vladimir Putin come il grande cattivo. Ma la storia della regione è una storia di cattivi in competizione tra loro; e una scuola di cattivi - i nazisti - ha una lunga storia di impegno con gli Stati Uniti, per lo più al di sotto dei radar, ma occasionalmente smascherata, come nel caso di Russ Bellant nel suo libro Old Nazis, the New Right, and the Republican Party (South End Press, 1991). L'esposizione da parte di Bellant di leader nazisti emigrati dagli alleati tedeschi della Seconda Guerra Mondiale nella campagna presidenziale di Bush del 1988 è stata la forza trainante per le dimissioni annunciate di nove persone, due delle quali provenienti dall'Ucraina, ed è per questo che era la scelta logica per illuminare le sparse menzioni di elementi nazisti e fascisti tra i nazionalisti ucraini, che in qualche modo non sembrano mai giustificare ulteriori commenti o spiegazioni. Naturalmente la maggior parte degli ucraini non sono nazisti o fascisti, motivo in più per evidenziare coloro che nascondono la loro vera natura nell'ombra... o anche dietro il bagliore momentaneo dei riflettori.

D. - Il suo libro, Old Nazis, the New Right, and the Republican Party (Vecchi nazisti, nuova destra e Partito Repubblicano), ha messo in luce il profondo coinvolgimento nel Partito Repubblicano di elementi nazisti provenienti dall'Europa centrale e orientale, compresi gli ucraini, che risalgono alla Seconda Guerra Mondiale e anche prima. Con l'evolversi della crisi ucraina nelle ultime settimane, si è parlato in modo sparso di un elemento fascista o neofascista, ma in qualche modo ciò non sembra mai giustificare ulteriori commenti o spiegazioni. Non riesco a pensare a nessuno di meglio per fare luce su ciò che non viene detto su questo elemento. Il pericolo della belligeranza russa è sempre più evidente, ma questo elemento fascista non esaminato presenta pericoli propri. Cosa può dirci di questo elemento e di questi pericoli?

L'elemento ha una lunga storia, una lunga storia che parla da sola, quando questa storia è effettivamente conosciuta ed elaborata. L'organizzazione chiave nel colpo di Stato che ha avuto luogo qui di recente è stata l'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini [OUN], o un suo ramo specifico noto come Banderas [OUN-B]. È il gruppo che sta dietro al partito Svoboda, che ha ottenuto una serie di posizioni chiave nel nuovo regime provvisorio. L'OUN risale agli anni '20, quando si separò da altri gruppi e, soprattutto negli anni '30, iniziò una campagna di assassini e terrorizzazione delle persone che non erano d'accordo con loro.

Con l'avvicinarsi della Seconda Guerra Mondiale, si allearono con le potenze naziste. Formarono diverse formazioni militari, così che quando la Germania invase l'Unione Sovietica nel giugno del 1941, avevano diversi battaglioni che andarono nella città principale dell'epoca, dove si trovava la loro base, Lvov, o Lwow, con diverse grafie [oggi Lviv]. Entrarono, ed è documentato che parteciparono all'identificazione e al rastrellamento degli ebrei in quella città e assistettero all'esecuzione di diverse migliaia di cittadini quasi immediatamente. Furono coinvolti anche nella liquidazione di gruppi di polacchi in altre parti dell'Ucraina durante la guerra.

Senza entrare nel merito di tutta la storia, l'Organizzazione dei nazionalisti ucraini difende ancora oggi il proprio ruolo bellico. Furono i sostenitori della formazione della 14a Divisione Waffen SS, che fu la divisione interamente ucraina che divenne un elemento armato per conto dei tedeschi e sotto il controllo generale tedesco. Hanno contribuito a incoraggiarne la formazione e dopo la guerra, proprio alla fine della guerra, è stata chiamata Prima divisione ucraina. Ancora oggi, la storia di quella divisione SS è glorificata e hanno un'organizzazione di veterani che ovviamente non ha più molti membri, ma hanno formato una divisione di veterani.

Se guardate le insegne che vengono indossate a Kiev nelle manifestazioni e nelle marce di strada, vedrete le insegne della divisione SS ancora indossate. In effetti, ieri sera stavo guardando delle fotografie e c'era un'intera formazione che marciava, non con la 14esima Divisione, ma con la Seconda Divisione. Si trattava di una grande divisione che aveva combattuto importanti battaglie in Ucraina, e questi marciatori indossavano le insegne sui bracciali della Seconda Divisione.

Si tratta quindi di una documentazione molto chiara e l'OUN, anche nelle sue pubblicazioni del dopoguerra, ha chiesto un territorio ucraino etno-geneticamente puro, il che ovviamente significa semplicemente chiedere l'epurazione di ebrei, polacchi e russi da quello che considerano territorio ucraino. Inoltre, gli attuali leader di Svoboda hanno fatto commenti palesemente antisemiti che chiedono di sbarazzarsi degli ebrei moscoviti e così via. Usano un linguaggio molto rozzo e minaccioso che farebbe tremare chiunque conosca la storia della Seconda Guerra Mondiale. Se vivessero qui, sembrerebbe che dovrebbero iniziare a preoccuparsi.

Ovviamente queste persone non detengono il monopolio del potere in Ucraina, ma si sono fatte avanti e gli Stati Uniti hanno sostenuto il partito Svoboda e questi nazionalisti ucraini. In effetti, i legami degli Stati Uniti con loro risalgono alla Seconda Guerra Mondiale e gli Stati Uniti hanno avuto un legame di lunga data con l'OUN, attraverso le agenzie di intelligence - inizialmente l'intelligence militare, poi la CIA.

D. - Il suo libro parla di una figura centrale dell'OUN, Yaroslav Stetsko, che è stato attivo politicamente per decenni qui in America. Cosa può dirci della sua storia?

Yaroslav Stetsko era il leader numero due dell'OUN durante la Seconda guerra mondiale e in seguito. Nel 1959, Stepan Bandera, che era a capo dell'OUN, fu ucciso e fu allora che Stetsko assunse la leadership. Stetsko fu l'uomo che effettivamente marciò su Lvov con l'esercito tedesco il 30 giugno 1941. A quel tempo l'OUN emise un proclama a suo nome, in cui si lodava e si invocava la gloria del leader tedesco Adolf Hitler e si diceva che avrebbero marciato a braccetto per l'Ucraina e così via. Dopo la guerra, fece parte della leadership chiave che fu raccolta dagli americani.

Ho visto diversi resoconti, almeno tre credibili, su come si trovassero nei campi per sfollati - le forze alleate hanno allestito campi per sfollati e hanno raccolto decine di migliaia di ex alleati di Hitler da tutti i Paesi dell'Est - Ungheria, Lettonia, Lituania. Non si trattava di collaborazionisti polacchi; credo che la maggior parte delle persone sappia che i tedeschi perseguitarono e uccisero pesantemente milioni di residenti polacchi, ma di Bulgaria, Romania, Croazia e così via, Bielorussia. Li avevano in questi campi che avevano costruito e organizzato, dove gli ucraini assassinavano i loro rivali nazionalisti ucraini in modo da essere i leader indiscussi del movimento nazionalista ucraino, così da ottenere la sponsorizzazione degli Stati Uniti per continuare la loro operazione politica, e avevano successo in questo senso. Così, quando Bandera uscì di scena, Stetsko divenne il leader indiscusso dei nazionalisti ucraini.

L'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini nel 1943, sotto la sponsorizzazione tedesca, organizzò una forza multinazionale per combattere a favore dell'esercito tedesco in ritirata. Dopo la battaglia di Stalingrado del '43, i tedeschi sentirono l'esigenza di avere più alleati, e così la Guardia di Ferro rumena, la Croce Frecciata ungherese, l'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini e altri con formazioni militari in grado di fornire assistenza si unirono e formarono il fronte unito chiamato Comitato delle Nazioni Sottomesse, e di nuovo lavorarono per conto dell'esercito tedesco. Nel 1946 lo ribattezzarono Blocco antibolscevico delle nazioni, o ABN. Stetsko ne fu il leader fino alla sua morte nel 1986.

Ne parlo in parte perché l'OUN cerca di dire: "Durante la guerra abbiamo combattuto i tedeschi e i comunisti". Il fatto è che negli ultimi due anni di guerra e nel dopoguerra erano loro a guidare l'intera alleanza multinazionale per conto dei tedeschi. Tutti i leader postbellici degli alleati nazisti impenitenti erano sotto la guida di Yaroslav Stetsko.

D. - Cosa accadde quando Stetsko, e altri come lui provenienti da altre forze alleate tedesche, arrivarono negli Stati Uniti?

Negli Stati Uniti, quando arrivarono, i suoi gruppi organizzarono dei comitati di "nazioni prigioniere". Essi divennero, presumibilmente, i rappresentanti delle persone che venivano oppresse in Europa orientale e nei Paesi baltici dall'Unione Sovietica. In realtà, veniva dato loro un assegno in bianco acritico per rappresentare le voci di tutte queste nazioni che facevano parte del Patto di Varsavia, mentre in realtà rappresentavano gli elementi più estremi di ciascuna delle comunità nazionali.

Il Comitato per le nazioni prigioniere a Washington, per esempio, era gestito dalla persona che dirigeva l'organizzazione ucraina dei nazionalisti; questo era vero in molti luoghi. Anche nella mia città natale, vicino a Detroit, hanno svolto un ruolo importante. All'inizio degli anni Cinquanta, quando furono reinsediati negli Stati Uniti, ce n'erano almeno 10.000, considerando tutte le nazionalità. Divennero politicamente attivi attraverso il Comitato Nazionale Repubblicano, perché fu proprio l'amministrazione Eisenhower a prendere la decisione politica nei primi anni Cinquanta e a farli entrare. Crearono queste organizzazioni per la campagna elettorale, ogni quattro anni si mobilitavano per il candidato repubblicano, chiunque fosse, e alcuni di loro, come Richard Nixon nel 1960, avevano stretti legami diretti con alcuni leader come la Guardia di Ferro rumena e altri gruppi.

Quando Nixon si candidò alla presidenza nel 1968, fece una promessa a questi leader: se avesse vinto la presidenza, li avrebbe trasformati in un braccio di sensibilizzazione etnica del Comitato Nazionale Repubblicano su base permanente, in modo da non essere una presenza quadrimestrale, ma una presenza continua nel Partito Repubblicano. E fece questa promessa attraverso un uomo di nome Laszlo Pasztor, che dopo la Seconda Guerra Mondiale scontò cinque anni di carcere per crimini contro l'umanità. Fu perseguito nel 1946 dal governo non comunista che all'epoca aveva il controllo dell'Ungheria (ci fu un periodo, dal '45 al '48, in cui il Partito Comunista Ungherese non governava l'Ungheria). Furono loro a perseguirlo. Aveva svolto il ruolo di collegamento tra il partito nazista ungherese e Berlino; aveva prestato servizio nell'ambasciata berlinese del movimento della Croce Frecciata ungherese. È stato scelto per organizzare tutti i gruppi etnici e le uniche persone che sono state coinvolte sono state i collaborazionisti nazisti.

Non avevano un affiliato russo perché odiavano tutti i russi, di qualsiasi colore politico. Non c'erano nemmeno affiliati afroamericani o ebrei. Era composta solo da questi elementi, e per un po' hanno avuto un affiliato tedesco, ma una certa esposizione del carattere nazista dell'affiliato tedesco ha fatto sì che venisse silenziosamente rimosso, ma altri elementi [nazisti] sono stati mantenuti.

D. - Il suo libro è stato studiato e pubblicato negli anni Ottanta. Cosa stava accadendo a quel punto, dopo che questi gruppi erano stati fondati per più di un decennio?

Sono andato alle loro riunioni negli anni '80 e hanno pubblicato materiale che chiarisce chi sono. Uno dei loro opuscoli del 1984 elogiava il regime filo-nazista degli Ustascia in Croazia; questi Ustascia hanno ucciso circa 750.000 persone e le hanno bruciate vive nel loro campo in Croazia. Ed ecco che elogiano la fondazione di questo regime, riconoscendo che era associato ai nazisti, ed è firmato dal presidente del Comitato nazionale repubblicano. Non si possono inventare queste cose! Era semplicemente pazzesco.

Ho intervistato il cosacco; mi ha mostrato la sua pensione per aver prestato servizio nelle SS durante la Seconda Guerra Mondiale, e come fosse affiliato a gruppi nazisti liberi negli Stati Uniti, ed era davvero impenitente. Questi sono gli ombrelli che venivano chiamati "Comitati per le nazioni prigioniere" da queste persone di cui Stetsko si occupava e di cui faceva parte. La Casa Bianca di Reagan lo portò qui, lo promosse come leader importante e organizzò una grande cena. Jeane Kirkpatrick [ambasciatrice dell'ONU durante l'amministrazione Reagan] ne faceva parte, George H.W. Bush come vicepresidente, ovviamente Reagan - e Stetsko fu considerato un grande leader. E furono emessi proclami in suo favore.

Quando Bush Senior si candidò alle presidenziali nel 1988, si recò in queste località, in pratica una delle sedi principali dei nazionalisti ucraini in Nord America, che si trova appena fuori Detroit, un sobborgo di Detroit, nel loro centro culturale, e uno dei loro principali leader al mondo ha sede proprio lì. All'epoca, fece venire Bush a denunciare l'OSI e Bush si limitò a scuotere la testa, senza dire nulla al riguardo.

L'OSI era l'Ufficio per le indagini speciali. Si occupava di indagare sulla presenza di criminali di guerra nazisti negli Stati Uniti e di deportare coloro che risultavano aver mentito sulla loro storia quando chiedevano di entrare negli Stati Uniti dopo la guerra. Avevano deportato un certo numero di persone da tutti gli Stati Uniti. C'erano molte indagini aperte e tutti questi nazisti emigrati stavano cercando di esercitare tutte le pressioni politiche possibili per fermare queste indagini, compresi i nazionalisti ucraini.

Così le denunciarono, le indagini dell'OSI, davanti a Bush. Bush annuì, ma non disse nulla perché non voleva sembrare solidale con i criminali di guerra nazisti, ma allo stesso tempo non voleva offendere i suoi ospiti discutendo la questione con loro. Quindi, la questione della Seconda Guerra Mondiale era ancora in gioco più di quattro decenni dopo, nella politica della presidenza, e sfortunatamente Bush e Reagan continuarono a stare dalla parte di chi era stato sconfitto nella Seconda Guerra Mondiale.

D. - Qual è stata la reazione quando è uscito il suo libro, con tutte queste informazioni? Come sono state accolte le informazioni e qual è stata la reazione politica?

Prima della pubblicazione del libro, la Washington Jewish Week aveva pubblicato un articolo su alcuni dei leader etnici della campagna di Bush e sulla loro storia, come la negazione dell'Olocausto o il coinvolgimento con i gruppi nazisti emigrati. Ne hanno citati un paio che non facevano parte dell'Heritage Groups Council, ma che facevano parte della campagna di Bush.

Poi, quando ho pubblicato il libro, sono emersi molti altri nomi e il Philadelphia Inquirer e il Boston Globe hanno pubblicato articoli su di loro. Si arrivò al punto che quando un giornalista del Philadelphia Inquirer li chiamava per parlare di uno dei loro leader etnici della campagna di Bush, la risposta standard era: "Non fa più parte della campagna", e lo dicevano quasi subito dopo averne fatto il nome. Così avrebbero chiamato quella persona - faccio l'esempio di Florian Galdau, che era a capo della Guardia di Ferro rumena a New York. Aveva un curriculum di guerra. Lo stesso [arcivescovo rumeno Valerian] Trifa fu coinvolto nell'uccisione di massa degli ebrei a Bucarest nel 1941, credo. I precedenti di Galdau sono chiari, perché quando Trifa è stato perseguito era una delle persone prese di mira dall'Ufficio per le indagini speciali, ed è stato costretto all'espulsione negli anni '80, ma in quei documenti si identifica Florian Galdau come uno dei suoi agenti, quindi la sua storia è nota - tranne, a quanto pare, per la campagna di Bush.

Così, quando è stato identificato dal Philadelphia Inquirer, hanno subito detto che non ne faceva parte, così l'Inquirer ha chiamato Florian Galdau e lui ha detto: "No, ne faccio parte. Non mi hanno mai detto nulla. Per quanto ne so, faccio ancora parte della campagna". E questo era lo schema.

Dopo le elezioni, il Comitato nazionale repubblicano ha dichiarato che avrebbe messo insieme una commissione di esperti per svolgere un'indagine sulle accuse contenute nel mio libro. Non sono mai stato contattato, non è stato contattato nessuno degli affiliati al progetto del libro, non è stato contattato l'editore. Nessuna delle fonti con cui ho lavorato è stata contattata. E dopo circa un anno, senza che nessuno sollevasse questioni o domande in merito, hanno semplicemente chiuso la questione e hanno detto: "Beh, non abbiamo avuto le risorse per indagare sulla questione".

Ho pubblicato un op-ed sul New York Times circa due settimane dopo la fine delle elezioni e credo che quella sia stata l'ultima volta in cui qualcuno ha detto qualcosa pubblicamente al riguardo che abbia avuto un qualche tipo di spazio. Credo che sia stato permesso loro di morire e appassire, cioè a quei leader. L'idea repubblicana era probabilmente quella di far entrare un'altra generazione di persone nate negli Stati Uniti mentre questi emigrati morivano, ma non hanno mai fatto nulla per questa storia che Nixon aveva lasciato loro in eredità. La Casa Bianca di Reagan aveva preso impegni e alleanze politiche profonde con loro. Non volevano dare l'impressione di aver voltato loro le spalle, e Bush li voleva per la sua campagna di rielezione, quindi non aveva intenzione di voltargli le spalle.

Se volete un aneddoto, so che 60 Minutes stava lavorando a un pezzo su cui stava lavorando il team di Bradley. Nancy Reagan in persona chiamò il produttore esecutivo e disse: "Vorremmo davvero che non faceste questa storia". Perché, fondamentalmente, non si tratta solo di nazisti, del Comitato Nazionale Repubblicano e della Casa Bianca. Si pone inevitabilmente la domanda: chi sono, come sono arrivati qui, chi li ha sponsorizzati? E a quel punto si torna alle agenzie di intelligence. E ad alcune persone non piace entrare in questo campo; se è legato a un'agenzia di intelligence, preferiscono stare alla larga dall'argomento. Quindi, alcune persone di 60 Minutes si sono sentite frustrate, ma è andata così. Penso che siano stati in grado di uccidere efficacemente la storia quando si è cercato di coprirla. Sono riusciti a convincere i direttori delle testate a non approfondire troppo l'argomento.

D. - Cosa è successo da quando ha scritto il suo libro, e la maggior parte della generazione della Seconda Guerra Mondiale è morta? Cosa hanno fatto da allora l'OUN e i suoi alleati di cui dovremmo essere a conoscenza?

Una volta che l'OUN è stato sponsorizzato dalle agenzie di intelligence dell'establishment di sicurezza americano, è stato incorporato in vari modi anche in Europa, come Radio Free Europe, che ha sede a Monaco. Molti di questi gruppi dell'ABN avevano sede a Monaco sotto la sponsorizzazione di Radio Free Europe. Da lì gestivano vari tipi di operazioni per cercare di lavorare all'interno dei Paesi del Patto di Varsavia. Quando l'Unione Sovietica è crollata nel 1991, alcuni di loro sono tornati in Ucraina e negli altri Paesi, dove hanno iniziato a operare e a organizzare partiti politici. Hanno ricostituito il gruppo di veterani delle Waffen SS, hanno organizzato marce negli anni '90 in Ucraina e partiti politici, in alleanza con gli Stati Uniti, e sono entrati a far parte di quella che è stata chiamata la Rivoluzione Arancione nel 2004, quando hanno vinto le elezioni.

Il primo ministro [riferimento a Viktor Yushchenko, presidente dell'Ucraina dal 2005 al 2010] era strettamente alleato con loro. Hanno lavorato con il nuovo governo per ottenere i benefici per i veterani della divisione ucraina delle SS e hanno iniziato a creare statue e monumenti e musei per Stepan Bandera, che era il leader dell'OUN e che, devo dire, era disprezzato da altri nazionalisti ucraini a causa dei loro metodi, perché erano estremi e violenti nei confronti dei gruppi nazionalisti ucraini rivali. Quindi Bandera non era un eroe universale, ma questo gruppo era così influente, in parte grazie ai suoi legami con gli Stati Uniti, che se andate online e cercate su Google "Lviv" e la parola "Bandera" vedrete monumenti e statue e grandi poster e striscioni con le sembianze di Bandera e grandi monumenti - monumenti permanenti eretti a nome di Bandera, in modo da rendere quest'uomo come il George Washington dell'Ucraina.

Questo governo è rimasto al potere fino al 2010, quando ci sono state altre elezioni ed è stato eletto un nuovo regime con un forte sostegno da parte dell'Est. I raggruppamenti nazionalisti ucraini che si erano formati intorno alla Rivoluzione arancione erano nettamente divisi tra loro, la corruzione era dilagante e la gente li ha cacciati. Gli Stati Uniti sono stati molto aggressivi nel cercare di mantenere i nazionalisti al potere, ma hanno perso le elezioni. Gli Stati Uniti hanno speso soldi attraverso il National Endowment for Democracy, che ha versato denaro a varie organizzazioni ucraine, e hanno fatto la stessa cosa in Russia e in molti altri Paesi del mondo. Stiamo parlando di molti milioni di dollari all'anno per influenzare la politica di questi Paesi.

Quando alla fine dell'anno scorso si è verificata l'occupazione di Piazza Indipendenza a Kiev, si sono visti i sostenitori di Svoboda e si sono sentiti i loro leader in Parlamento fare commenti palesemente antisemiti. Il leader del partito Svoboda si è recato in Germania per protestare contro il processo a John Demjanjuk, l'ucraino stabilitosi negli Stati Uniti che, in qualità di guardia di un campo di concentramento, è stato coinvolto nell'uccisione di persone innocenti. I tribunali tedeschi lo hanno giudicato colpevole e la leadership di Svoboda si è recata in Germania per protestare contro la condanna di quest'uomo. Il motivo? Hanno detto che non volevano che nessun ucraino si macchiasse di questo, perché vivono nella menzogna: che nessun ucraino ha avuto a che fare con il regime nazista tedesco, quando la storia li tradisce e le loro stesse affiliazioni li tradiscono. Ma a loro non piace che questo venga detto pubblicamente, quindi protestano sempre per l'innocenza di qualsiasi ucraino accusato di qualcosa, indipendentemente dalle prove.

D. - Il suo libro è stato una rivelazione importante, ma non è stato l'unico. Nel suo libro si legge che Jack Anderson aveva riferito del passato filonazista di alcuni consiglieri etnici già nel 1971, ma quando il suo rapporto è uscito quasi due decenni dopo, tutti hanno reagito con shock, sorpresa e persino negazione. Quali lezioni dovremmo trarre da questa storia di storia insabbiata? E come dovrebbe influenzare il nostro pensiero sulla crisi in corso in Ucraina?

Credo che non sia mai troppo tardi per familiarizzare e istruirsi sulla storia di questo fenomeno, sia sulla storia della guerra che sulla nostra collaborazione postbellica con queste persone. Sono stati scritti diversi reportage sui nazisti emigrati. C'era un libro del 1979 intitolato Wanted, che riportava una serie di casi di queste persone portate negli Stati Uniti, compresa la storia di Trifa. Christopher Simpson ha scritto un libro intitolato Blowback che discute le decisioni politiche; è un libro incredibile. È un professore dell'American University e ha fatto anni di ricerche attraverso la legge sulla libertà d'informazione e gli archivi, ottenendo i documenti politici in base ai quali sono state prese le decisioni di riunire queste persone, e non solo negli Stati Uniti, ma di dispiegarle in tutto il mondo.

Come il mio libro, non ha avuto l'attenzione che meritava. Il recensore del New York Times è stato negativo nei confronti del libro. Ci sono persone che non vogliono toccare queste cose. Ci sono molte persone che non vogliono che sia toccata. Penso che sia davvero importante per le persone che credono nell'apertura, nella trasparenza e nei valori democratici, che non vogliono vedere gruppi di odio tornare al potere in altre parti del mondo, sapere cosa è successo.

Non sono molti gli americani che sanno che le Waffen SS erano una forza multinazionale. Questo aspetto è stato tenuto fuori dalla storia comune. Altrimenti la gente saprebbe che c'erano nazisti ucraini, nazisti ungheresi, nazisti lettoni, e che erano tutti coinvolti nell'omicidio di massa dei loro concittadini, se erano ebrei, o anche se erano co-nazionalisti che erano dall'altra parte della questione della guerra. Erano solo assassini di massa, in tutta l'Europa orientale. E questa storia, questi fatti, non sono nemmeno noti. Molte persone non sapevano nemmeno dell'esistenza di questo fenomeno.

Credo che tutti gli americani abbiano la responsabilità di sapere cosa sta facendo il loro governo in politica estera in Europa e altrove nel mondo, in America Latina e in Africa. Dal momento che la nostra politica è stata quella di sostenere l'apartheid in Sudafrica, perché gli americani non l'hanno contestata di più? Hanno iniziato a contestarlo negli anni '80, ma il regime di apartheid era gestito dal partito nazista. Erano alleati della Germania nella Seconda guerra mondiale. Erano il partito nazionalista, presero il potere nel 1948 e gli Stati Uniti lo appoggiarono per decenni. Abbiamo appoggiato gli squadroni della morte in America Latina, anche se hanno massacrato decine di migliaia di persone - 200.000 solo in Guatemala. Gli americani non sono attenti a ciò che il loro governo fa all'estero, anche se viene fatto con i soldi delle loro tasse e in loro nome, e credo che abbiamo una responsabilità generale.

Sono andato a questi incontri, a queste conferenze, per un periodo di anni. Ho incontrato direttamente le persone di cui ho scritto, la maggior parte delle quali le ho incontrate personalmente o in riunioni di gruppo. Le persone non possono permettersi di farlo da sole, in termini di tempo, ma c'è abbastanza letteratura in giro per cui possono leggerne. Potranno farsi un'idea sufficiente per capire qual è il quadro reale e chiedere un cambiamento. Non sono del tutto di parte: penso che il Partito Repubblicano sia stato estremo su questo punto, ma i Democratici si sono piegati e non hanno sfidato la situazione quando sapevano che stava accadendo.

Un vecchio poeta romano disse che la verità non dice una cosa e la saggezza un'altra. Io ci credo. Dite la verità e la saggezza seguirà.


https://www.thenation.com/article/archive/seven-decades-nazi-collaboration-americas-dirty-little-ukraine-secret/

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo