antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
La violenza che ci sommerge: Noi sappiamo
- Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Lo scrittore Giorgio Franzaroli restituisce il premio Acqui Edito&Inedito: “Non voglio essere accomunato a un autore neofascista”
- A Milano i cortei contrapposti contro la guerra: da una parte i neofascisti, dall'altra il movimento antirazzista
- Apre nuovo spazio di Casapound, corteo di Firenze Antifascista
- La Sapienza, dopo le cariche occupata la facoltà di Scienze politiche
- Tensioni alla Sapienza per il convegno con FdI e Capezzone: scontri tra polizia e studenti
- Il nuovo movimento degli ex di Forza Nuova a un anno dall’assalto alla Cgil
- Bologna, femministe contro patrioti alla manifestazione "a difesa delle donne": insulti e tensioni
- Bologna Non Una Di Meno torna in piazza e dilaga: “Risale la marea!”
- Elezioni, contestatori al comizio di Giorgia Meloni a Trento: cantano “Bella ciao” e urlano “siamo tutti antifascisti”
- L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.01.23 Il neofascista Roberto Fiore smentito dall’Interpol: “Viveva con Gilberto Cavallini”
25.01.23 L’ex camerata in affari con Fratelli d’Italia e le bastonate ai carabinieri
9.12.22 La nuova ultradestra
18.11.22 Quel filo che dall’Ordine di Hagal arriva a CasaPound
19.10.22 Giorgia Meloni firma la Carta di Madrid di Vox
7.10.22 GRUPPI NEONAZISTI USA
16.09.22 L’Europa nuovamente alle prese con l’avanzata dell’estrema destra
15.09.22 Ultradestra, la galassia nera torinese messa in crisi dall’ascesa di Meloni
10.09.22 Sette decenni di collaborazione nazista: Il piccolo sporco segreto dell'America in Ucraina
28.08.22 Inchiesta su M. 2/3
27.08.22 Antifa - Stati Uniti d'America
17.08.22 Inchiesta su M.
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superati i due milioni di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | estrema destra USA | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 27.08.22
Antifa - Stati Uniti d'America
·
Antifa negli Stati Uniti è un movimento politico antifascista e antirazzista di sinistra. In quanto schieramento altamente decentralizzato di gruppi autonomi, l'antifa utilizza sia l'azione diretta nonviolenta che quella violenta per raggiungere i propri obiettivi. Gran parte dell'attivismo politico dell'antifa è di tipo nonviolento, con campagne di affissione e volantinaggio, mutuo soccorso, discorsi, marce di protesta e organizzazione della comunità. Alcuni che si identificano come antifa combattono anche gli estremisti di estrema destra (come i neonazisti e i suprematisti bianchi) e, a volte, le forze dell'ordine, con tattiche che includono l'attivismo digitale, il doxing, le molestie, la violenza fisica e i danni alla proprietà.

Gli individui coinvolti nel movimento tendono ad avere una visione antiautoritaria, anticapitalista e antistatale, aderendo a una serie di ideologie di sinistra. La maggior parte degli individui coinvolti sono anarchici, comunisti e socialisti che si descrivono come rivoluzionari e hanno poca fedeltà alla democrazia liberale, sebbene anche alcuni socialdemocratici partecipino al movimento antifa. Lo storico del Dartmouth College Mark Bray, autore di Antifa: The Anti-Fascist Handbook, attribuisce ad Anti-Racist Action (ARA) il ruolo di precursore dei moderni gruppi antifa negli Stati Uniti.

Il movimento antifa americano è cresciuto dopo l'elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti nel 2016. Da allora le azioni degli attivisti antifa hanno ricevuto sostegno e critiche da parte di varie organizzazioni e opinionisti. Alcuni esponenti della sinistra politica criticano la volontà di antifa di adottare tattiche violente, che descrivono come controproducenti, rafforzando la destra e i suoi alleati. Molti politici e gruppi di destra lo definiscono un'organizzazione terroristica interna o usano antifa come un termine generico per tutte le azioni di protesta di sinistra o liberali. e che la violenza di antifa non sia equivalente a quella della destra. Gli studiosi tendono a respingere l'equivalenza tra antifa e la supremazia bianca.

Ci sono stati numerosi sforzi per screditare antifa da parte di vari gruppi e individui di destra. Alcuni sono stati fatti attraverso bufale sui social media, molte delle quali operazioni a bandiera falsa provenienti da utenti dell'alt-right e di 4chan che si spacciavano per sostenitori di antifa su Twitter; alcune bufale sono state riprese e ritratte come fatti dai media e dai politici di destra. Donald Trump e William Barr hanno ripetutamente chiesto di designare antifa come organizzazione terroristica nonostante non sia un'organizzazione. Accademici, esperti legali e altri hanno sostenuto che un'azione del genere eccederebbe l'autorità della presidenza e violerebbe il Primo Emendamento. Diverse analisi, rapporti e studi hanno concluso che antifa non è un rischio terroristico nazionale importante.

Contenuti

1 Definizione
2 Struttura e ideologia del movimento
3 Storia
3.1 Il contesto
3.2 Attività
3.3 Azioni degne di nota
4 Reazioni del pubblico
4.1 Accademici, studiosi e attivisti
4.2 Organizzazioni per i diritti civili
4.3 Forze dell'ordine e funzionari
4.4 Membri del Congresso
4.5 Amministrazione Trump
4.6 Bufale e teorie del complotto
5 Analisi e studi
6 Vedi anche
7 Riferimenti
8 Ulteriori letture

Definizione


La parola inglese antifa è un prestito dal tedesco Antifa, dove è una forma abbreviata della parola antifaschistisch ("antifascista") e un soprannome di Antifaschistische Aktion (1932-1933), un gruppo di breve durata che ha ispirato il più ampio movimento antifa in Germania. La stessa parola tedesca Antifa è apparsa per la prima volta nel 1930 e la forma lunga antifaschistisch è stata presa in prestito dall'originale italiano antifascisti. Oxford Dictionaries ha inserito antifa nella sua shortlist per la parola dell'anno nel 2017 e ha dichiarato che la parola "è emersa da una relativa oscurità per diventare una parte consolidata del lessico inglese nel corso del 2017".

La pronuncia della parola in inglese non è definita, in quanto può essere sottolineata sia sulla prima che sulla seconda sillaba.

L'Anti-Defamation League (ADL) raccomanda che l'etichetta antifa sia limitata a "coloro che cercano proattivamente scontri fisici con i loro avversari percepiti come fascisti" e non sia erroneamente applicata per includere tutti i contro-protestanti antifascisti. .

Durante l'amministrazione Trump, il termine antifa è diventato "un termine conservatore a effetto", poiché Donald Trump, i funzionari dell'amministrazione, i sostenitori della base Trump e i commentatori di destra hanno applicato l'etichetta a tutti i tipi di azioni di protesta di sinistra o liberali. Politico ha riferito che "il termine è potente per i conservatori" perché "è il distillato violento di tutto ciò che temono possa accadere in una guerra culturale totale. Ed è un modo rapido per marchiare una parte dell'opposizione" Alexander Reid Ross, che insegna alla Portland State University, sostiene che la popolarità del termine antifa è stata una reazione alla popolarità del termine alt-right, "al punto che descrive semplicemente persone che sono antifasciste o persone che sono contro il razzismo e sono disposte a protestare contro di esso".

Struttura e ideologia del movimento

Antifa non è un'organizzazione unificata, ma piuttosto un movimento privo di una struttura gerarchica di leadership, che comprende molteplici gruppi e individui autonomi. Il movimento è scarsamente affiliato e non ha una catena di comando, con i gruppi antifa che invece condividono "risorse e informazioni sulle attività di estrema destra attraverso i confini regionali e nazionali attraverso reti poco collegate e relazioni informali di fiducia e solidarietà". "Secondo Mark Bray, "i membri nascondono le loro attività politiche alle forze dell'ordine e all'estrema destra" e "le preoccupazioni per l'infiltrazione e le alte aspettative di impegno mantengono le dimensioni dei gruppi piuttosto piccole" Bray aggiunge che "è importante capire che la politica di antifa e i metodi di antifa sono progettati per fermare i suprematisti bianchi, i fascisti e i neonazisti nel modo più semplice possibile" Per Bray, "la stragrande maggioranza delle loro attività sono non violente. Funzionano in un certo senso come investigatori privati; seguono le organizzazioni neonaziste su più piattaforme social-media". " Per quanto riguarda il doxing, Bray afferma che si tratta di "dire alle persone che hanno un nazista che vive in fondo alla strada, o dire ai datori di lavoro che stanno assumendo suprematisti bianchi", aggiungendo che "dopo Charlottesville, molte delle ripercussioni che questi suprematisti bianchi che indossano il kaki e la torcia tiki hanno affrontato sono stati i loro datori di lavoro che li hanno licenziati e le loro famiglie che hanno ripudiato quello che fanno".

Gli attivisti di solito organizzano le proteste attraverso i social media e i siti web. Alcuni attivisti hanno costruito reti peer-to-peer o utilizzano servizi di messaggistica criptata come Signal. Chauncey Devega di Salon ha descritto l'antifa come una strategia organizzativa, non un gruppo di persone. Secondo un membro del gruppo, la ricerca di identificazione dell'antifa per stabilire se un individuo o un gruppo è "fascista, Alt Right, nazionalista bianco, ecc." è "basata su quali gruppi fanno parte e appoggiano". Pur notando che "nazisti, fascisti, nazionalisti bianchi, antisemiti e islamofobici" sono categorie specifiche che si sovrappongono, l'attenzione principale è "sui gruppi e gli individui che appoggiano o lavorano direttamente in alleanza con i suprematisti bianchi e i separatisti bianchi. Cerchiamo di essere molto chiari e precisi nell'uso di questi termini" Secondo Colin Clarke e Michael Kenney, le azioni dirette come le proteste anti-Trump, le manifestazioni contro il provocatore dell'alt-right Milo Yiannopoulos e lo scontro con i neonazisti e i suprematisti bianchi al raduno Unite the Right "riflettono la convinzione di molti sostenitori di Antifa che Trump sia un demagogo fascista che minaccia l'esistenza della democrazia pluralista e multirazziale americana. Questo fattore aiuta a spiegare perché tali sostenitori di Antifa sono così veloci a etichettare i sostenitori di 'Make America Great Again' del presidente come fascisti - e perché Trump è così veloce a etichettare Antifa come un'organizzazione terroristica".

Il movimento antifa è cresciuto dopo le elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2016. Ad agosto 2017 esistevano circa 200 gruppi, di varie dimensioni e livelli di attività. È particolarmente presente nel nord-ovest del Pacifico, come a Portland, in Oregon.

Gli individui coinvolti nel movimento antifa tendono ad avere posizioni antiautoritarie, anticapitaliste, antifasciste, e antistatali, aderendo a una gamma variegata di ideologie di sinistra. La maggior parte degli aderenti è costituita da anarchici, comunisti e altri socialisti che si definiscono rivoluzionari, sebbene anche alcuni socialdemocratici e altri esponenti della sinistra americana, tra cui ambientalisti, LGBT e sostenitori dei diritti indigeni, aderiscano al movimento antifa. e militante.

Nel suo articolo "The Rise of the Violent Left" per The Atlantic, Beinart scrive che gli attivisti antifa "preferiscono l'azione diretta: Fanno pressione sui locali per negare ai suprematisti bianchi lo spazio per incontrarsi. Fanno pressione sui datori di lavoro perché li licenzino e sui proprietari di casa perché li sfrattino. E quando le persone che considerano razziste e fasciste riescono a riunirsi, i partigiani di antifa cercano di interrompere i loro raduni, anche con la forza" Secondo lo storico Mark Bray, esperto del movimento, la "grande maggioranza dell'organizzazione antifascista è non violenta. Ma la loro volontà di difendere fisicamente se stessi e gli altri dalla violenza dei suprematisti bianchi e di chiudere preventivamente gli sforzi organizzativi fascisti prima che diventino mortali li distingue dagli antirazzisti liberali".

Descritto come un movimento pan-sinistro e non gerarchico, l'antifa è unito dall'opposizione all'estremismo di destra e alla supremazia bianca. Gli attivisti antifa rifiutano sia l'antifascismo conservatore che quello liberale. Il movimento antifa generalmente rifugge la democrazia liberale tradizionale, avendo "un disprezzo illiberale per i confini della politica tradizionale", e favorendo l'azione diretta rispetto alla politica elettorale. Bray afferma che "la stragrande maggioranza dei militanti antifa è costituita da anticapitalisti radicali che si oppongono al Partito Democratico" e che i leader del Partito Democratico, tra cui Nancy Pelosi e Joe Biden, hanno condannato gli antifa e la violenza politica in generale. Nonostante l'opposizione di antifa al Partito Democratico e al liberalismo, alcuni commentatori di destra hanno accusato i suoi aderenti di essere aiutati da "simpatizzanti liberali" e "affiliati al Partito Democratico" nonché di essere "un'unica organizzazione", "finanziata da finanziatori liberali come George Soros", "ideatrice di violenze durante le proteste di Black Lives Matter" e che "gli antifascisti sono i 'veri fascisti'", con Bray che li cita come esempi di cinque miti sugli antifa.

L'ADL afferma che "la maggior parte degli antifa proviene dal movimento anarchico o dall'estrema sinistra, anche se dopo le elezioni presidenziali del 2016 anche alcune persone con un background politico più tradizionale si sono unite ai loro ranghi" Allo stesso modo, Bray sostiene che "è anche importante ricordare che si tratta di rivoluzionari autodefiniti. Sono anarchici e comunisti che si collocano al di fuori del tradizionale spettro conservatore-liberale" ABC News osserva che "sebbene le inclinazioni politiche di antifa siano spesso descritte come "di estrema sinistra", gli esperti dicono che le opinioni radicali dei membri variano e possono intersecarsi con il comunismo, il socialismo e l'anarchismo" Secondo la CNN, "Antifa è l'abbreviazione di antifascisti. Il termine è usato per definire un ampio gruppo di persone le cui convinzioni politiche tendono a sinistra - spesso all'estrema sinistra - ma non sono conformi alla piattaforma del Partito Democratico." La BBC osserva che, "come indica il loro nome, Antifa si concentra più sulla lotta all'ideologia di estrema destra che sull'incoraggiamento di una politica a favore della sinistra." Beinart sostiene che l'elezione di Donald Trump ha vitalizzato il movimento antifa e alcuni esponenti della sinistra mainstream sono stati più disposti a sostenerli come opposizione tattica.

La storia
Il contesto


Quando il dittatore italiano Benito Mussolini consolidò il potere con il suo Partito Nazionale Fascista a metà degli anni Venti, emerse un movimento antifascista di opposizione sia in Italia che in Paesi come gli Stati Uniti. Molti leader antifascisti negli Stati Uniti erano anarchici, socialisti e sindacalisti emigrati dall'Italia con esperienza nell'organizzazione e nella militanza sindacale. Ideologicamente, l'antifa negli Stati Uniti si considera il successore degli attivisti antinazisti degli anni Trenta. I gruppi di attivisti europei, originariamente organizzati per opporsi alle dittature fasciste della Seconda guerra mondiale, sono riemersi negli anni '70 e '80 per opporsi alla supremazia bianca e agli skinhead, diffondendosi infine negli Stati Uniti.

La moderna politica antifa può essere ricondotta all'opposizione all'infiltrazione della scena punk britannica da parte degli skinhead del potere bianco negli anni Settanta e Ottanta e all'emergere del neonazismo in Germania dopo la caduta del Muro di Berlino. In Germania, i giovani di sinistra, compresi gli anarchici e i fan del punk, hanno rinnovato la pratica dell'antifascismo di strada. .

Lo storico del Dartmouth College Mark Bray, autore di Antifa: The Anti-Fascist Handbook, attribuisce all'Azione antirazzista (ARA) il ruolo di precursore dei moderni gruppi antifa negli Stati Uniti. Alla fine degli anni Ottanta e negli anni Novanta, gli attivisti dell'ARA andavano in tournée con popolari gruppi punk rock e skinhead per impedire il reclutamento di klansman, neonazisti e altri suprematisti bianchi assortiti. Il loro motto era "Andiamo dove vanno loro", con il quale intendevano affrontare gli attivisti di estrema destra nei concerti e rimuovere attivamente il loro materiale dai luoghi pubblici. Nel 2002, ARA ha interrotto un discorso in Pennsylvania di Matthew F. Hale, il capo del gruppo suprematista bianco World Church of the Creator, provocando una rissa e 25 arresti.

Nel 2007, Rose City Antifa, probabilmente il primo gruppo a utilizzare il nome antifa, è stato formato a Portland, Oregon, da ex membri dell'ARA. Altri gruppi antifa negli Stati Uniti hanno altre genealogie. A Minneapolis, Minnesota, un gruppo chiamato Baldies si è formato nel 1987 con l'intento di combattere direttamente i gruppi neonazisti. Nel 2013, i capitoli "più radicali" di ARA hanno formato il Torch Antifa Network che ha capitoli in tutti gli Stati Uniti. Altri gruppi antifa fanno parte di diverse associazioni come NYC Antifa o operano in modo indipendente.

Attività

Secondo Brian Levin, direttore del Center for the Study of Hate and Extremism della California State University di San Bernardino, gli attivisti antifa sentono il bisogno di partecipare ad azioni violente perché "credono che le élite controllino il governo e i media. Quindi hanno bisogno di fare una dichiarazione frontale contro le persone che considerano razziste" Lo storico Mark Bray ha scritto che gli aderenti "rifiutano di rivolgersi alla polizia o allo Stato per fermare l'avanzata della supremazia bianca. Invece sostengono l'opposizione popolare al fascismo, come abbiamo visto a Charlottesville" L'idea dell'azione diretta è al centro del movimento antifa. L'ex organizzatore antifa Scott Crow ha dichiarato a un intervistatore: "L'idea di Antifa è che l'azione diretta è un'azione diretta:

L'idea di Antifa è che noi andiamo dove vanno loro (le persone di destra). Che l'incitamento all'odio non è libertà di parola. Che se metti in pericolo le persone con ciò che dici e con le azioni che ci sono dietro, allora non hai il diritto di farlo. E quindi andiamo a provocare conflitti, a farli chiudere dove sono, perché non crediamo che i nazisti o i fascisti di qualsiasi tipo debbano avere un portavoce".

Un manuale pubblicato su It's Going Down, un sito web anarchico, mette in guardia dall'accettare "persone che vogliono solo combattere". Inoltre, il sito web osserva che "affrontare fisicamente e difendersi dai fascisti è una parte necessaria del lavoro antifascista, ma non è l'unica né necessariamente la più importante".

Secondo Beinart, gli attivisti antifa "cercano di identificare pubblicamente i suprematisti bianchi e di farli licenziare dai loro posti di lavoro e sfrattare dai loro appartamenti" e inoltre "interrompono i raduni dei suprematisti bianchi, anche con la forza" Una recensione di un libro del Washington Post ha riportato che "le tattiche degli antifa includono il "no platforming", cioè negare ai loro obiettivi l'opportunità di parlare in pubblico; ostacolare i loro eventi e deturpare la loro propaganda; e, quando gli attivisti antifa lo ritengono necessario, dispiegare la violenza per scoraggiarli". "Secondo la National Public Radio, "l'approccio di antifa è conflittuale" e "le persone che parlano del movimento antifa riconoscono che a volte portano con sé bastoni e mazze" La CNN descrive antifa come "noti per aver causato danni alle proprietà durante le proteste" Scott Crow afferma che gli aderenti ad antifa credono che la distruzione delle proprietà non "equivalga alla violenza". Gli attivisti antifa hanno anche usato mazze e liquidi colorati contro i suprematisti bianchi a Charlottesville. I media hanno riferito di casi specifici di manifestanti antifa che hanno molestato o attaccato giornalisti o danneggiato le loro attrezzature mentre stavano documentando le proteste - in particolare reporter del Washington Post, un collaboratore di VICE e Reuters, e altri. Secondo il Kansas City Star, la polizia ha chiesto alle persone che portavano armi da fuoco (tra cui sia membri antifa che membri del gruppo di milizia di estrema destra Three Percenters) durante una manifestazione del settembre 2017 a Kansas City di rimuovere le munizioni dalle loro armi.

Oltre alle altre attività, gli attivisti antifa si impegnano nel mutuo soccorso, come la risposta ai disastri nel caso dell'uragano Harvey. Secondo Natasha Lennard su The Nation, i gruppi antifa a partire dal gennaio 2017 stavano lavorando con gruppi interreligiosi e chiese "per creare un New Sanctuary Movement, continuando ed espandendo una pratica di 40 anni di fornire spazi per rifugiati e immigrati. " Gli attivisti antifa conducono anche ricerche per monitorare le attività dell'estrema destra, tengono conferenze e workshop sull'attivismo antifascista, distribuiscono letteratura alle fiere del libro e ai festival cinematografici e sostengono modi per "promuovere comunità sostenibili e pacifiche", come il lavoro negli orti comunitari.

Gli attivisti Antifa utilizzano spesso la tattica del black bloc, in cui le persone si vestono di nero e si coprono il volto per ostacolare la sorveglianza e creare un senso di uguaglianza e solidarietà tra i partecipanti. Gli attivisti Antifa indossano maschere per nascondere la loro "identità dai manifestanti dell'altra parte (che potrebbero fare il dox delle persone con cui non sono d'accordo) o dalla polizia e dalle telecamere" e per ragioni filosofiche, come la convinzione che "le gerarchie sono cattive e che rimanere anonimi aiuta a tenere sotto controllo il proprio ego". "Joseph Bernstein di BuzzFeed News afferma che gli attivisti antifa indossano maschere anche perché "temono punizioni da parte dell'estrema destra e della polizia, che ritengono simpatica se non proprio solidale con i fascisti".

Quando l'antifa è salita alla ribalta delle cronache durante le proteste di George Floyd ed è stata attaccata per essere responsabile di gran parte, se non della maggior parte, delle violenze, un articolo di Vox ha affermato che "i membri dei gruppi antifa fanno un attivismo più convenzionale, campagne di volantinaggio e organizzazione della comunità, per conto di cause anti-razziste e anti-nazionaliste bianche", citando Mark Bray che ha affermato che questa era la "stragrande maggioranza" delle loro attività.

Azioni degne di nota

Insieme agli attivisti dei black bloc, i gruppi antifa sono stati tra coloro che hanno protestato contro l'elezione di Donald Trump nel 2016. Gli attivisti antifa hanno anche partecipato alle proteste di Berkeley del febbraio 2017 contro il provocatore dell'alt-right, l'oratore Milo Yiannopoulos, dove gli antifa hanno guadagnato l'attenzione del mainstream, con i media che hanno riferito che i manifestanti antifa "hanno lanciato molotov e distrutto finestre" e causato danni per 100.000 dollari.

Nell'aprile 2017, la Direct Action Alliance e gli Oregon Students Empowered, descritti come "due gruppi autodefiniti antifascisti", hanno minacciato di interrompere la 82esima Avenue of Roses Parade a Portland, Oregon, dopo aver saputo che il Partito Repubblicano della Contea di Multnomah avrebbe partecipato. Gli organizzatori della parata hanno anche ricevuto un'e-mail anonima che recitava: "Avete visto quanto potere abbiamo in centro e che la polizia non può impedirci di chiudere le strade, quindi per favore valutate bene la vostra decisione". I due gruppi hanno negato di avere a che fare con l'e-mail. La parata è stata infine annullata dagli organizzatori a causa di problemi di sicurezza.

Nell'agosto 2017, i contro-protestanti antifa al raduno Unite the Right di Charlottesville, in Virginia, secondo quanto riportato dal New York Times, "hanno usato mazze e liquidi colorati contro i suprematisti bianchi". "La giornalista Adele Stan ha intervistato un manifestante antifa presente alla manifestazione, il quale ha affermato che i bastoni portati dai manifestanti erano una contromisura giustificabile al fatto che "la destra ha una squadra di scagnozzi". Alcuni partecipanti antifa alla manifestazione di Charlottesville hanno cantato che i manifestanti avrebbero dovuto "dare un pugno in bocca a un nazista". I partecipanti antifa hanno anche protetto Cornel West e vari membri del clero dall'attacco dei suprematisti bianchi, con West che ha dichiarato di sentire che gli antifa gli hanno "salvato la vita". Gli attivisti antifa hanno anche difeso la First United Methodist Church, dove il Charlottesville Clergy Collective ha fornito rinfreschi, musica e formazione ai controprotestanti. Secondo un rabbino locale, i controprotestanti antifa "hanno scacciato con dei bastoni".

I gruppi che si stavano preparando a protestare contro il Boston Free Speech Rally hanno visto i loro piani diventare virali dopo le violenze di Charlottesville. L'evento ha attirato una folla in gran parte pacifica di 40.000 contro-protestanti. Su The Atlantic, McKay Coppins ha dichiarato che le 33 persone arrestate per incidenti violenti sono state "per lo più incitate dalla minoranza di agitatori 'Antifa' tra la folla" Il presidente Trump ha descritto i manifestanti fuori dal suo comizio dell'agosto 2017 a Phoenix, Arizona, come "antifa".

Manifestazione antifa alle proteste di Berkeley

Durante le proteste di Berkeley del 27 agosto 2017, un centinaio di manifestanti antifa e anarchici si sono uniti a una folla di 2.000-4.000 altri manifestanti per affrontare i dimostranti dell'alt-right e i sostenitori di Trump che si erano presentati per un raduno "Say No to Marxism" che era stato cancellato dagli organizzatori a causa di problemi di sicurezza. Jesse Arreguin, sindaco di Berkeley, ha suggerito di classificare gli antifa della città come una gang. Il gruppo di estrema destra Patriot Prayer ha cancellato un evento a San Francisco lo stesso giorno in seguito alle proteste dei manifestanti. Joey Gibson, il fondatore di Patriot Prayer, ha incolpato gli antifa, insieme a BAMN, di aver interrotto l'evento.

Nel giugno 2018, un gruppo antifa del Nebraska ha pubblicato un elenco di nomi e fotografie di 1.595 funzionari dell'Immigration and Customs Enforcement (ICE), tratto dai profili LinkedIn.

Nel novembre 2018, la polizia ha indagato il gruppo antifa Smash Racism D.C. a seguito di una protesta fuori dalla casa del fondatore del The Daily Caller Tucker Carlson, che è stato descritto dall'Associated Press come "un importante sostenitore del presidente Donald Trump e delle sue politiche". Gli attivisti del gruppo hanno affermato attraverso un megafono che Carlson stava promuovendo l'odio e hanno scandito "Combatteremo, sappiamo dove dormi la notte!" e hanno deturpato il vialetto della proprietà di Carlson dipingendo con lo spray un simbolo anarchico. Twitter ha sospeso l'account del gruppo per aver violato le regole di Twitter pubblicando l'indirizzo di casa di Carlson. Il gruppo ha pubblicato anche gli indirizzi del fratello di Carlson e di un amico che ha co-fondato il Daily Caller.

Nel febbraio 2019, gli attivisti antifascisti hanno marciato in festa a Stone Mountain, in Georgia, mentre un raduno di suprematisti bianchi e neoconfederati, previsto nell'adiacente Stone Mountain Park, è stato annullato a causa di lotte intestine e timori per la sicurezza personale. Inizialmente i gruppi di suprematisti bianchi avevano cercato di attirare l'attenzione marciando sulla Stone Mountain, una scultura simbolo della Confederazione, durante il weekend del Super Bowl. I gruppi hanno ignorato il rifiuto del parco di concedere il permesso a causa di un "chiaro e attuale pericolo per la salute o la sicurezza pubblica", ma ciò è stato vanificato quando Facebook e Twitter hanno chiuso i loro account e le loro pagine di organizzazione e quando un leader del gruppo si è ritirato a causa di "timori di violenza da parte dei contro-protestanti". In loro assenza, più di 100 attivisti antifa hanno marciato pacificamente attraverso il villaggio adiacente, bruciato un'effigie del Klansman e scandito slogan come "Buona notte, alt-right" e "Morte al Klan", prima di unirsi a un'altra manifestazione per i diritti civili a Piedmont Park tenuta dal NAACP e dall'SPLC.

Reazioni del pubblico
Accademici, studiosi e attivisti


Lo storico Mark Bray, che ha studiato il movimento antifa, ha affermato che "data la minaccia storica e attuale che i gruppi suprematisti bianchi e fascisti rappresentano, è chiaro per me che l'autodifesa collettiva organizzata non è solo una risposta legittima, ma purtroppo una risposta fin troppo necessaria a questa minaccia in troppe occasioni". "Alexander Reid Ross, docente di geografia e autore sulla destra contemporanea, ha sostenuto che i gruppi antifa hanno rappresentato "uno dei migliori modelli per incanalare i riflessi popolari e i movimenti spontanei verso il confronto con il fascismo in modi organizzati e mirati".

Lo storico e redattore della rivista Dissent Michael Kazin ha scritto che "a sinistra spesso vede la sinistra come una forza dirompente e senza legge. La violenza tende a confermare questa visione" La storica Ruth Ben-Ghiat si è detta "preoccupata che i metodi di antifa possano alimentare quelle che, a suo dire, sono false equivalenze che cercano di accomunare la violenza di sinistra agli attacchi di destra". Ben-Ghiat ha sostenuto che "lanciare un frullato non equivale a uccidere qualcuno, ma poiché le persone al potere sono alleate con la destra, ogni provocazione, ogni dissenso contro la violenza della destra, si ritorce contro", con l'effetto che "la militanza a sinistra" può "diventare una giustificazione per coloro che sono al potere e gli alleati a destra per reprimere" la sinistra.

Peter Beinart, professore di giornalismo e scienze politiche, ha scritto che "ntifa crede di perseguire l'opposto dell'autoritarismo. Molti dei suoi attivisti si oppongono alla nozione stessa di Stato centralizzato. Ma in nome della protezione dei vulnerabili, gli antifascisti si sono concessi l'autorità di decidere quali americani possono riunirsi pubblicamente e quali no. Tale autorità non poggia su alcuna base democratica. Le persone che impediscono ai repubblicani di riunirsi in sicurezza per le strade di Portland possono considerarsi feroci oppositori dell'autoritarismo che cresce nella destra americana. In realtà, però, sono i suoi alleati più improbabili".

La professoressa di studi neri Shirley Jackson ha affermato che gli antifa hanno reso le cose più difficili per Black Lives Matter, causando una perdita di concentrazione. Lo storico Marc Rodriguez ha affermato che "le idee sull'antifascismo per loro sono (attualmente) preoccupazioni negli Stati Uniti per il razzismo" e che gli antifa erano simili alle proteste di Hong Kong del 2019-20, ma che ciò in cui gli antifa non sono stati "così bravi è arrivare alla consapevolezza che alla fine le proteste sociali cercano di contrattare".

L'intellettuale pubblico antirazzista Cornel West, che ha partecipato a una contro-protesta alla manifestazione di Unite the Right, ha detto in un'intervista che "saremmo stati schiacciati come scarafaggi se non fosse stato per gli anarchici e gli antifascisti", descrivendo una situazione in cui un gruppo di 20 contro-protestanti è stato circondato da marciatori che ha descritto come "neofascisti".

Il veterano attivista radicale Noam Chomsky ha descritto antifa come "un grande regalo alla destra", sostenendo che "il movimento era autodistruttivo e costituiva una minuscola fazione alla periferia della sinistra" Eleanor Penny, un'autrice sul fascismo e l'estrema destra, ha sostenuto, contro Chomsky, che "la resistenza fisica ha più volte protetto le popolazioni locali dalla violenza razzista e ha impedito a un gruppo di fascisti in via di raduno di fare ulteriori incursioni nella politica tradizionale". Natasha Lennard si è schierata contro Chomsky e altri, citando la sospensione del tour universitario di Richard B. Spencer nel marzo 2018, come "un'acuta confutazione dell'abbondanza di affermazioni secondo cui le pratiche antifa servirebbero come regalo all'estrema destra."

Alcuni "antifascisti" di sinistra hanno sostenuto che gli antifa attaccano un sintomo della democrazia liberale piuttosto che combattere il razzismo strutturale in sé e così facendo si allontanano dalla politica rivoluzionaria.

Organizzazioni per i diritti civili

Secondo l'ADL, "la maggior parte delle organizzazioni affermate per i diritti civili criticano le tattiche degli antifa come pericolose e controproducenti" Nel 2017, l'ADL ha criticato gli antifa per l'uso di "tattiche inaccettabili" come la violenza e ha avvertito che tali tattiche forniscono un potente strumento di propaganda e reclutamento agli estremisti di destra. Nel 2020, l'ADL ha osservato che mentre ci sono stati centinaia di omicidi da parte di gruppi di estrema destra negli ultimi decenni, c'è stato solo un sospetto omicidio legato agli antifa.

Secondo il Southern Poverty Law Center (SPLC), la designazione di antifa come organizzazione terroristica nazionale è pericolosa e rappresenta una minaccia per le libertà civili. L'SPLC ha anche riferito che i membri di antifa "sono stati coinvolti in scaramucce e reati contro la proprietà, 'ma la minaccia di violenza letale impallidisce in confronto a quella posta dagli estremisti di estrema destra'".
Forze dell'ordine e funzionari

Nel giugno 2017, il movimento antifa è stato collegato all'"estremismo anarchico" dal New Jersey Office of Homeland Security and Preparedness. Questa valutazione è stata sostituita con una del 2019 che afferma che "Antifa è un movimento che si concentra su questioni che coinvolgono il razzismo, il sessismo e l'antisemitismo, così come altre ingiustizie percepite. La maggior parte dei membri di Antifa non promuove o approva la violenza; tuttavia, il movimento è composto da estremisti anarchici e da altri individui che cercano di compiere atti di violenza per portare avanti le loro rispettive agende" Nel settembre 2017, Politico ha ottenuto documenti riservati e interviste che indicano che il Dipartimento di Sicurezza Nazionale (DHS) e il Federal Bureau of Investigation (FBI) ritenevano che gli "estremisti anarchici" fossero i principali istigatori della violenza durante le manifestazioni pubbliche contro una serie di obiettivi nell'aprile 2016.

Nel luglio 2020, il direttore dell'FBI Christopher A. Wray, che in un precedente comunicato stampa del 4 giugno aveva affermato che "anarchici come Antifa" stanno "sfruttando questa situazione per perseguire programmi violenti ed estremisti", ha testimoniato alla Commissione giudiziaria del Senato che l'agenzia "considera Antifa più un'ideologia che un'organizzazione" cosa che è stata poi ribadita lo stesso anno in un'osservazione del 17 settembre ai legislatori. .

Tre bozze di rapporti del DHS dell'agosto 2020 non hanno menzionato l'antifa come rischio di terrorismo interno e hanno classificato la supremazia bianca come il rischio principale, superiore a quello dei gruppi terroristici stranieri.

Membri del Congresso

Il 29 agosto 2017, Nancy Pelosi, allora leader della minoranza del Partito Democratico, ha condannato la violenza degli attivisti antifa a Berkeley.

Nel luglio 2019, i senatori repubblicani Bill Cassidy e Ted Cruz hanno introdotto una risoluzione non vincolante che designerebbe antifa come organizzazione terroristica interna.

Nel giugno 2020, il senatore repubblicano Tom Cotton ha sostenuto l'uso della forza militare per sedare le proteste a livello nazionale contro la brutalità della polizia e il razzismo, chiedendo il dispiegamento della 101esima Divisione aviotrasportata per combattere quelli che ha definito "terroristi di Antifa". Cruz ha accusato i "manifestanti di Antifa" di "organizzare questi atti di terrore" e ha chiesto "un'applicazione sistematica della legge che prenda di mira Antifa e altri gruppi terroristici".

Nel settembre 2020, anche il candidato alla presidenza del Partito Democratico 2020 Joe Biden ha condannato le azioni violente degli antifa, avendo già in precedenza condannato la violenza in tutto lo spettro politico ed espresso il suo sostegno alle proteste pacifiche.

Amministrazione Trump

Nell'agosto 2017 è stata presentata una petizione al sistema di petizione We the People della Casa Bianca che chiedeva al presidente Donald Trump di classificare formalmente "AntiFa" come terrorista. La Casa Bianca ha risposto nel 2018 che la legge federale non ha un meccanismo per designare formalmente le organizzazioni terroristiche nazionali. L'autore della petizione ha poi dichiarato di averla creata per "riunire la nostra destra spezzata" e per "sostenere l'antifa come sacco da boxe".

Nel 2017, Politico ha intervistato funzionari delle forze dell'ordine non identificati che hanno notato un aumento delle attività dall'inizio dell'amministrazione Trump, in particolare un aumento del reclutamento e anche da parte dell'estrema destra dopo la manifestazione di Charlottesville Unite the Right. Una valutazione interna ha riconosciuto l'incapacità di penetrare la "struttura organizzativa diffusa e decentralizzata" dei gruppi. Nel 2017, l'FBI e il DHS hanno riferito che stavano monitorando attività antifa sospette in relazione al terrorismo.

Durante le proteste a livello nazionale seguite all'omicidio di George Floyd nel maggio e giugno 2020, il procuratore generale William Barr ha attribuito la colpa della violenza a "gruppi anarchici ed estremisti di estrema sinistra che utilizzano tattiche simili a quelle di Antifa" e ha descritto le azioni di "Antifa e altri gruppi simili" come "terrorismo interno", facendo eco a dichiarazioni simili del consigliere per la sicurezza nazionale Robert O'Brien. e ha ripetutamente promesso che il governo federale avrebbe designato antifa come "Organizzazione terroristica". Tuttavia, Trump non ha l'autorità per farlo perché, secondo la legge vigente, il governo federale può designare come terroriste solo le organizzazioni straniere e antifa è un movimento associato piuttosto che un'organizzazione specifica. Esperti legali, tra gli altri, ritengono che designare antifa come gruppo terroristico sarebbe incostituzionale, sollevando questioni legate al Primo Emendamento e al giusto processo. Secondo lo storico Mark Bray, antifa non può essere designata come organizzazione terroristica perché "i gruppi sono poco organizzati e non sono abbastanza grandi da causare tutto ciò per cui Trump li incolpa". Inoltre, Bray ha sostenuto che la destra politica ha tentato di "dare la colpa di tutto agli antifa" durante le proteste di George Floyd e che, ipotizzando che gli antifa siano "prevalentemente bianchi", "evince un tipo di razzismo che presuppone che le persone di colore non potrebbero organizzarsi su una scala così profonda e ampia".

Il 2 giugno 2020, The Nation ha riportato una copia di un rapporto interno dell'FBI di Washington che aveva ottenuto, in cui si affermava che l'FBI non aveva "nessuna informazione che indicasse il coinvolgimento/presenza di Antifa" nelle violente proteste del 31 maggio a Washington. Due giorni dopo, Barr ha affermato che "abbiamo le prove che antifa e altri gruppi estremisti simili, così come attori di diverse convinzioni politiche, sono stati coinvolti nell'istigazione e nella partecipazione alle attività violente" Tuttavia, l'amministrazione Trump non ha fornito alcuna prova per le sue affermazioni e non c'è alcuna prova che individui allineati con gli antifa abbiano avuto un ruolo nell'istigazione alle proteste o alla violenza, o che antifa abbia avuto un ruolo significativo nelle proteste. Secondo Bray, pur essendo "fiducioso che alcuni membri di gruppi antifa abbiano partecipato a varie forme di resistenza" durante le proteste, è "impossibile accertare il numero esatto di persone che appartengono a gruppi antifa" Al 9 giugno 2020, nessuna delle 51 persone che affrontano accuse federali è stata accusata di avere legami con antifa. Al 16 settembre 2020, nessun gruppo antifa o di sinistra è stato accusato in relazione ai disordini civili.

In un'intervista dell'agosto 2020, Trump ha affermato che "persone che sono nell'ombra" controllano il suo avversario presidenziale democratico Joe Biden e poi ha affermato che "abbiamo avuto qualcuno che è salito su un aereo da una certa città questo fine settimana, e nell'aereo era quasi completamente carico di teppisti, che indossavano queste uniformi scure, uniformi nere, con equipaggiamento e questo e quello", aggiungendo che "sono persone che sono nelle strade. Sono persone che controllano le strade". Gli attivisti antifa vestono comunemente di nero. Le osservazioni di Trump erano simili alle false voci dei social media dei mesi precedenti, secondo cui aerei e autobus pieni di bande antifa si stavano preparando a invadere le comunità, presumibilmente finanziati da George Soros. Due giorni dopo le osservazioni di Trump, Barr ha affermato di sapere che gli attivisti antifa "stanno volando in tutto il Paese" e "li stiamo seguendo". .

In una denuncia del settembre 2020, Brian Murphy, che è stato sottosegretario alla Sicurezza interna per l'intelligence e l'analisi fino all'agosto 2020, ha affermato che il segretario del DHS Chad Wolf e il suo vice Ken Cuccinelli gli hanno dato istruzioni di "modificare le valutazioni dell'intelligence per garantire che corrispondessero ai commenti pubblici del presidente Trump sul tema dell'ANTIFA e dei gruppi 'anarchici'". " Il 18 settembre 2020, Trump ha criticato pubblicamente il direttore dell'FBI Christopher A. Wray e ha lasciato intendere che avrebbe potuto licenziarlo a causa della testimonianza di Wray sugli antifa e sulle interferenze russe nelle elezioni degli Stati Uniti del 2020.

Il 25 settembre 2020, la campagna di Trump ha reso noti i dettagli di un "Piano di Platino per l'America Nera", in base al quale "Antifa" e il Ku Klux Klan sarebbero stati perseguiti come organizzazioni terroristiche.

Bufale e teorie del complotto

Teorie cospiratorie su antifa che tendono a ritrarre erroneamente antifa come un'unica organizzazione con leader e fonti segrete di finanziamento sono state diffuse da attivisti di destra, organizzazioni mediatiche e politici, inclusi funzionari dell'amministrazione Trump e la campagna Trump 2020.

#PunchWhiteWomen (2017)

Nell'agosto 2017, una campagna fotografica bufala #PunchWhiteWomen è stata diffusa da falsi account Twitter antifa. Il ricercatore di Bellingcat Eliot Higgins ha scoperto un'immagine dell'attrice britannica Anna Friel che ritrae una donna maltrattata in una campagna anti violenza domestica del 2007 di Women's Aid che è stata riproposta utilizzando falsi account Twitter antifa organizzati tramite 4chan. L'immagine è intitolata "Il 53% delle donne bianche ha votato per Trump, il 53% delle donne bianche dovrebbe avere questo aspetto" e include una bandiera antifa. Un'altra immagine con una donna ferita è intitolata "Ha scelto di essere una nazista. Le scelte hanno conseguenze" e include l'hashtag #PunchANazi. Higgins ha dichiarato alla BBC che "si è trattato di un tentativo trasparente e piuttosto patetico, ma non mi sorprenderei se i gruppi nazionalisti bianchi cercassero di organizzare attacchi più sofisticati in futuro". Un'immagine falsa simile è circolata sui social media dopo la manifestazione Unite the Right del 2017. L'immagine falsificata, in realtà proveniente da una sommossa del 2009 ad Atene, è stata alterata per far sembrare che qualcuno che indossava un simbolo antifa attaccasse un poliziotto con una bandiera. Dopo la sparatoria di Las Vegas del 2017, bufale simili hanno falsamente affermato che il tiratore era un "membro" antifa; un'altra bufala di questo tipo ha coinvolto un falso account Twitter antifa che lodava la sparatoria. Un altro falso account antifa di alto profilo è stato bandito da Twitter dopo aver postato con un geotag proveniente dalla Russia. Questi falsi account antifa sono stati ripetutamente segnalati come reali dai media di destra.

"Guerra civile antifa" (2017)

Nell'ottobre 2017 si è diffusa su YouTube una teoria cospirativa secondo cui i gruppi antifa stavano pianificando un'insurrezione violenta o una guerra civile il mese successivo, avanzata da personaggi di estrema destra tra cui Alex Jones, Lucian Wintrich, Paul Joseph Watson e Steven Crowder. Alla base della teoria del complotto c'era una serie di proteste contro Donald Trump organizzate dal gruppo Refuse Fascism. Le proteste si sono svolte come previsto senza causare disagi significativi.

"Manuale Antifa" (2017)

Un falso "Manuale Antifa" è circolato online, sfatato da Snopes nel 2017. Secondo l'ADL, il linguaggio usato nel documento sembra progettato per seminare divisione e presenta molte affermazioni che non sono in linea con i sentimenti degli organizzatori antifascisti, spesso imitando maldestramente la retorica "di sinistra". Le stesse immagini hanno continuato a essere condivise sui social media nei post sulle proteste Black Lives Matter del 2020, compreso un post su Twitter del teorico della cospirazione alt-lite Jack Posobiec.

Elenco 8chan (2018)

Questa sezione è un estratto della lista antifa di 8chan § Louisiana Police.
Nel settembre 2018, la Polizia di Stato della Louisiana è stata messa sotto esame per aver utilizzato una lista bufala di informazioni personali su presunti attivisti antifa, originariamente pubblicata sulla bacheca politica di 8chan. Il documento, soprannominato "full list of antifa.docx" dagli agenti di polizia, conteneva in realtà i nomi di diverse migliaia di persone che avevano firmato petizioni online contro l'allora presidente Donald Trump. La Polizia di Stato si è rifiutata di divulgare l'elenco, sostenendo che avrebbe "compromesso" le indagini penali in corso in cui si attendono arresti. Una causa contro la Polizia di Stato della Louisiana è stata intentata per conto di chi ha richiesto la documentazione da Thomas Frampton, docente di Harvard ed ex difensore d'ufficio, il quale sostiene che il rifiuto della Polizia di rilasciare l'elenco indica che essa ha effettivamente creduto alla credibilità della lista bufala e l'ha utilizzata nelle indagini e nelle controversie.

Proteste di George Floyd (2020)

Durante le proteste nazionali di George Floyd contro la brutalità della polizia e il razzismo nel maggio e giugno 2020, false affermazioni di imminenti attività antifa sono circolate attraverso le piattaforme dei social media, causando allarme in almeno 41 città. Il 31 maggio 2020, @ANTIFA_US, un account Twitter appena creato, ha tentato di incitare alla violenza in relazione alle proteste. Il giorno successivo, dopo aver appurato che era collegato al gruppo nazionalista bianco Identity Evropa, Twitter ha sospeso il falso account. Il rapporto del Washington Field Office dell'FBI ha dichiarato che i membri di un gruppo di estrema destra sui social media avevano "invitato i provocatori di estrema destra ad attaccare gli agenti federali e a usare armi automatiche contro i manifestanti" durante le proteste nell'area di Washington per l'omicidio di Floyd il 31 maggio 2020.

Organizzazioni giornalistiche conservatrici, individui pro-Trump che utilizzano i social media e account di social media impostori hanno diffuso false voci secondo cui i gruppi antifa si stavano recando in piccole città, periferie e comunità rurali per istigare disordini durante le proteste. Nel maggio e nel giugno 2020, Lara Logan ha ripetutamente promosso bufale come parte della copertura di Fox News sugli antifa, pubblicando tra l'altro un falso documento che ha descritto come un piano di battaglia degli antifa e sostenendo che una battuta sui juggalos fosse la prova di una gerarchia antifa clandestina.

Nel giugno 2020, l'unità aerea della California Highway Patrol ha lanciato una ricerca di "autobus antifa" in risposta a post su Instagram e Facebook che mostravano un furgone con lo slogan "Black Lives Matter". Più tardi, nel giugno 2020, una famiglia multirazziale in campeggio a Forks, Washington, è stata accusata di essere attivista antifa, molestata e intrappolata nel suo campeggio quando sono stati abbattuti degli alberi per bloccare la strada. A Coeur d'Alene, nell'Idaho, gruppi di vigilanti armati di destra hanno occupato le strade in risposta a false voci secondo cui gli attivisti antifa stavano pianificando di recarsi in città, mentre voci simili hanno portato a minacce contro attivisti che stavano pianificando proteste pacifiche a Sonora, in California.

In un'intervista dell'agosto 2020, Trump ha diffuso una teoria cospirativa simile, sostenendo che "teppisti, che indossano queste uniformi scure, uniformi nere, con equipaggiamento e questo e quello" erano saliti su un aereo diretto a Washington D.C. per disturbare la Convenzione nazionale repubblicana del 2020. Sempre nell'agosto 2020, un falso sito web antifa ha iniziato a reindirizzare gli utenti al sito web della campagna presidenziale di Joe Biden per il 2020. Sebbene questo sia stato descritto come "chiaramente uno stratagemma per associare il Partito Democratico all'antifa", quelli di destra se ne sono appropriati.

Un rapporto interno del Dipartimento di Sicurezza Nazionale (DHS) del 2021 ha rilevato che alti funzionari del DHS hanno cercato di dipingere le proteste del 2020 a Portland, Oregon, senza prove, come uno sforzo organizzato da parte di antifa per attaccare le istituzioni governative, e hanno ordinato al personale di caratterizzare le proteste come "violente di ispirazione anarchica".

Uno studio di Zignal Labs ha rilevato che le affermazioni infondate sul coinvolgimento degli antifa sono state uno dei tre temi dominanti della disinformazione e delle teorie cospirative intorno alle proteste, insieme alle affermazioni secondo cui l'omicidio di Floyd sarebbe stato simulato e alle affermazioni sul coinvolgimento di George Soros. Anche una parte dell'opposizione all'attivismo antifa è stata di natura artificiale. Nafeesa Syeed di Bloomberg News ha riferito che "il link più twittato nella rete collegata alla Russia seguita dai ricercatori era una petizione per dichiarare Antifa un gruppo terroristico".

Incendi selvaggi (2020)

Mentre gli incendi imperversavano sulla costa occidentale nel settembre 2020, sui social media si sono diffuse voci secondo cui gli antifa avrebbero appiccato deliberatamente gli incendi e si sarebbero preparati a saccheggiare le proprietà che venivano evacuate, voci smentite dai dipartimenti di polizia locali. Alcuni residenti si sono rifiutati di evacuare sulla base delle voci, scegliendo di difendere le loro case dalle presunte invasioni. Le autorità hanno pregato i residenti di ignorare le false voci. Un sindacato dei vigili del fuoco dello Stato di Washington, che ha anche smentito queste voci, ha descritto Facebook come "un'assoluta fogna di disinformazione" sull'argomento. Tra i principali promotori delle voci infondate vi sono gli aderenti alla teoria del complotto QAnon. QAnon ha organizzato per mesi "soldati digitali" sui social media e sulle bacheche di Internet per condurre una guerra di informazione al fine di influenzare le elezioni degli Stati Uniti del 2020.

Attacco al Campidoglio (2021)

Subito dopo l'assalto del 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti, una falsa affermazione secondo cui si sarebbe trattato di un'operazione false flag inscenata dagli antifa per coinvolgere i sostenitori di Trump è stata diffusa da alcuni lealisti di Trump, tra cui il rappresentante Mo Brooks, Mark Burns, Lou Dobbs, il leader della minoranza del Senato dello Stato della California Shannon Grove, Laura Ingraham, Mike Lindell, l'ex governatore dell'Alaska Sarah Palin, il procuratore generale del Texas Ken Paxton, l'attore Kevin Sorbo, Eric Trump e L. Lin Wood. La teoria del complotto è nata su 4chan e siti web simili prima di diffondersi su siti di notizie conservatrici più mainstream. Il rappresentante Paul Gosar è stato il primo membro del Congresso ad affermare che persone associate ad antifa erano responsabili dell'attacco. Durante il secondo processo di impeachment di Trump, il suo avvocato Michael van der Veen ha falsamente affermato in Senato che dopo l'assalto al Campidoglio, "Una delle prime persone arrestate era il leader di antifa".

In alcuni post su Parler, un servizio di social network utilizzato principalmente dall'estrema destra, i leader dei Proud Boys avevano rivelato l'intenzione di partecipare alla manifestazione indossando abiti "completamente neri" associati agli attivisti antifa e di arrivare "in incognito", in un apparente tentativo di scaricare la colpa di eventuali violenze sugli antifa. Il fotoreporter e attivista di sinistra John Sullivan è stato erroneamente accusato di aver "istigato" i disordini.

Una falsa affermazione secondo cui i prodotti di una società di riconoscimento facciale, XRVision, avrebbero identificato i partecipanti all'incursione come attivisti antifa è nata da un articolo di Rowan Scarborough pubblicato dal Washington Times ed è stata promossa dalla conduttrice di Fox News Laura Ingraham e dal rappresentante Matt Gaetz, diventando virale tra i sostenitori di Trump. La società ha descritto le affermazioni di Gaetz come "completamente false". Il Washington Times ha ritrattato la storia poche ore dopo la sua pubblicazione. Simili accuse infondate di operazioni false flag degli antifa erano circolate tra i sostenitori di Trump fin dal 2017. Steve Benen di MSNBC ha descritto le affermazioni di Gosar, Gaetz e altri come "pazzi furiosi" e indicative di una dissonanza cognitiva, notando che i rivoltosi di estrema destra non hanno tentato di nascondere le loro identità o fedeltà e sono stati successivamente elogiati da Trump.

Alcuni esponenti dell'estrema destra hanno salutato l'attacco come un grande risultato e hanno affermato che gli altri esponenti dell'estrema destra dovrebbero orgogliosamente "farsene una ragione". Alcuni dei partecipanti alla rivolta, tra cui alcuni che sono stati successivamente arrestati e incriminati, si sarebbero arrabbiati per il fatto che gli eventi non sono stati attribuiti a loro. Gli utenti del sito di social media di destra TheDonald.win si sono arrabbiati per le affermazioni secondo cui gli antifa sarebbero stati responsabili dell'assalto al Campidoglio, con un post in cui si afferma che: "È nauseante vedere la gente dare ad Antifa la gloria di americani stufi" L'FBI ha dichiarato che non c'erano prove di un coinvolgimento degli antifa nell'incursione della folla. Cinque mesi dopo l'attacco, il commentatore televisivo Tucker Carlson ha suggerito che l'FBI stessa avrebbe potuto perpetrarlo segretamente. L'affermazione è nata in un articolo del 14 giugno pubblicato dal sito web di destra Revolver News.

Sebbene sia stata ripetutamente sfatata, la campagna di disinformazione ha diffuso efficacemente la falsità, promossa, tra gli altri, dal senatore repubblicano Ron Johnson. Un sondaggio pubblicato nel febbraio 2021 dall'American Enterprise Institute ha rilevato che il 30% degli americani (tra cui il 50% dei repubblicani e il 20% dei democratici) ritiene che gli antifa siano i principali responsabili delle violenze avvenute negli scontri al Campidoglio. Un sondaggio Suffolk University/USA Today pubblicato alla fine di febbraio 2021 ha mostrato che il 58% degli elettori di Trump crede che l'evento sia stato "per lo più un attacco ispirato dagli antifa". Un sondaggio Ipsos/Reuters pubblicato nel maggio 2021 ha mostrato che il 54% dei repubblicani crede che l'attacco "sia stato guidato da violenti manifestanti di sinistra che cercano di mettere Trump in cattiva luce".

Analisi e studi

Domande su quanto sia efficace antifa e se sia una risposta ragionevole sono state sollevate e discusse dai media.

In relazione agli eventi della manifestazione Unite the Right, uno studio del 2018 condotto dal professore di criminologia Gary LaFree sul legame tra antifa e terrorismo ha concluso che "mentre gli eventi condividono molte caratteristiche degli attacchi terroristici", le azioni dei sostenitori di antifa durante questo evento "non includono tutti gli elementi del terrorismo richiesti dalla direttiva sui diritti civili". Mentre soddisfaceva i requisiti di un'azione condotta da "attori subnazionali" con "violenza o minaccia di violenza", mancava in particolare "l'intenzionalità dell'incidente", cioè il "risultato di un calcolo consapevole da parte degli autori". LaFree ha anche messo in dubbio "se antifa possa essere considerato un 'gruppo' in questo momento" e ha sottolineato "quanto sia complicato distinguere il terrorismo da altre forme di violenza illegale" come quelle dei sostenitori di antifa.

Nel giugno 2020, il think tank Center for Strategic and International Studies (CSIS) ha raccolto un database di 893 incidenti di terrorismo negli Stati Uniti a partire dal 1994. Un'analisi del database condotta da The Guardian nel luglio 2020 non ha trovato omicidi legati all'antifa o all'antifascismo dal 1994. Secondo il Guardian, l'unico decesso dovuto a un attacco antifascista registrato nel database è stato quello di Willem van Spronsen, colpito a morte dalla polizia mentre si presumeva che avesse fatto esplodere un centro di detenzione dell'Immigration and Customs Enforcement (ICE) degli Stati Uniti a Tacoma, Washington. Per contro, lo studio ha evidenziato che nello stesso periodo 329 persone sono state uccise da suprematisti bianchi americani o da altri estremisti di destra. Il Guardian ha citato Heidi Beirich, cofondatrice del Global Project Against Hate and Extremism (Progetto globale contro l'odio e l'estremismo), affermando che "Antifa non va in giro a uccidere persone come fanno gli estremisti di destra. È una falsa equivalenza. A volte ho criticato gli antifa per gli scontri con i nazisti durante i raduni e per questo tipo di violenza, ma non mi viene in mente un solo caso in cui un antifa sia stato accusato di omicidio". Seth Jones, un esperto di antiterrorismo che ha guidato la creazione del database del CSIS, ha dichiarato al The Guardian che "la violenza di sinistra non è stata una minaccia terroristica importante" e che "la minaccia terroristica interna più significativa proviene dai suprematisti bianchi, dalle milizie antigovernative e da una manciata di individui associati al movimento 'boogaloo' che stanno cercando di creare una guerra civile negli Stati Uniti".

Il database del CSIS è stato aggiornato nell'ottobre 2020 per includere il sospetto omicidio di Aaron Danielson da parte di Michael Reinoehl. Nel settembre 2020, quando l'indagine era ancora in corso, Brian Levin ha dichiarato che se Reinoehl fosse stato coinvolto, avrebbe segnato il primo caso nella storia recente di un sostenitore antifa accusato di omicidio. Reinoehl è stato accusato dalla polizia di Portland di omicidio di secondo grado e in seguito è stato ucciso da una task force di fuggitivi a guida federale nei pressi di Lacey, Washington. 261] Reinoehl non era associato a Rose City Antifa o all'organizzazione antifascista Popular Mobilization di Portland. 263]

Voice of America, un'emittente radiofonica statale statunitense, ha riassunto il rapporto affermando che "i movimenti di estrema sinistra come antifa, pur essendo decentrati e considerati meno letali delle loro controparti di estrema destra, sono altrettanto capaci di trasformare proteste pacifiche in scontri violenti con le forze dell'ordine". Secondo Voice of America, "il Dipartimento di Giustizia non ha accusato nessun gruppo di sinistra in relazione ai disordini civili, e gli esperti di estremismo dicono che mentre la minaccia di violenza da parte di antifa è reale, i gruppi organizzati di estrema destra rappresentano una minaccia maggiore di violenza". Josh Lipowsky, analista di ricerca senior del Counter Extremism Project, ha dichiarato che "il movimento decentrato di antifa rappresenta una minaccia minore rispetto ai gruppi meglio organizzati di estrema destra".

https://en.wikipedia.org/wiki/Antifa_(United_States)

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo